IMU, avanti tutta! Il consiglio approva le aliquote 2012

Pubblicato il 09 giu 2012 con 4 Commenti

(s.t.) L’IMU è tema caldo, e lo si capisce dal fatto che, nelle chiacchiere cittadine, spesso non si parla d’altro. La più diretta conseguenza per la politica cittadina è stata un’affluenza notevole e rumorosa al consiglio comunale che venerdì 8 giugno ha deliberato sulle aliquote dell’imposta municipale propria, in un clima surriscaldato un po’ dal tema, un po’ dalla temperatura, un po’ dal fatto che l’assise è iniziata con oltre quaranta minuti di ritardo nell’attesa che terminasse il convegno medico in corso nella sala consiliare.

Dopo di che, approvato in breve ed all’unanimità la delibera sull’avvio dell’attività dei mercato stagionali (operativi da domani, 10 giugno, sino al prossimo 30 settembre), è partita la discussione che ha monopolizzato gran parte del pomeriggio politico tarquiniese.

Partiamo dalla notizia “definitiva”: la maggioranza ha approvato compatta la proposta di delibera in discussione, invece bocciata da tutta l’opposizione. Da ciò, derivano per i cittadini tarquiniesi le seguenti aliquote IMU: 0,4% per l’abitazione principale e per le relative pertinenze, 0,1% per i fabbricati rurali ad uso strumentale, 0,76% per i terreni agricoli e per le unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A10, B, D e C (quelle, per intenderci, utilizzate per attività artigianali, produttive e lavorative), 1,06% per le aree fabbricabili e 0,96% per tutti gli immobili  diversi da quelli dei punti precedenti. La delibera prevede anche tutta una serie di detrazioni sulla prima casa.

Ad aprire la discussione è stata la lettura, da parte del presidente del consiglio, di una lettera a firma congiunta delle rappresentanze sindacali agricole, che richiedono una riduzione delle percentuali sui terreni agricoli. La battaglia portata avanti dall’opposizione, quindi, s’è svolta su due fronti: da una parte il tentativo di chiedere una riduzione delle aliquote, dall’altra quello di rinviare la discussione.

A proporre una riduzione selezionata delle aliquote è stato Cesare Celletti (Movimento 5 Stelle), che in un emendamento ha proposto l’abbassamento delle aliquote relative ai terreni agricoli ed ai fabbricati legati ad attività produttive, “per evitare l’ulteriore soffocamento delle realtà che, a Tarquinia, producono ricchezza, garantiscono occupazione e che, per questo, devono essere sostenute e tutelate”.

La mozione dei consiglieri Meraviglia, Voccia, Maneschi e Serafini mirava invece a rinviare la votazione, ottenendo la possibilità di discutere in commissione per meglio comprendere i termini economici della questione. Tanto che, alla fine, la discussione è diventata un botta e risposta proprio su questo: come è possibile votare sulle aliquote se non è possibile conoscere i termini del bilancio in prossima approvazione, né le voci di spesa in esso contenute.

Su tutto, la posizione del sindaco Mazzola, che ne ha per tutti. A partire dal Governo. “Chi ha concepito l’IMU è matto da legare – attacca – Lo stato chiede a noi comuni di fare da esattori, vuole il 3,8 per mille fisso sui terreni come su altre pertinenze e noi dobbiamo mettere queste aliquote per garantire i servizi al cittadino. Ed il peso lo abbiamo distribuito su tutte le categorie, perché io non voglio fare discriminazioni: a Montalto hanno tenuto bassa l’aliquota sui terreni, è vero, ma hanno colpito pesantemente le attività produttive”.

A condire il piatto, vari siparietti con la platea ed un battibecco a tratti pittoresco con Pietro Serafini, nell’imbarazzo del presidente del consiglio Palmini, in balia dell’euforia verbale dei due contendenti.

Dopo l’alzata di mani che fissa le quote per l’IMU, la sala si svuota. Passano quasi inosservati il voto sulla modifica del regolamento comunale (all’unanimità s’è stabilito di abbassare da dieci a otto il numero di consiglieri necessari a garantire il numero legale, adeguandolo alla nuova composizione dell’assemblea) e quello sulla composizione delle commissioni consigliari.

E, immeritatamente, viene snobbata anche la mozione che esprime le perplessità e preoccupazioni del consiglio in merito alla “proposta di legge della Regione Lazio n. 226 del 2011 in materia di “sistema integrato degli interventi, dei servizi e delle prestazioni sociali per la persona e la famiglia nella Regione Lazio”. Una legge la cui approvazione finirebbe per delocalizzare il sistema del sostegno sociale, riducendone peraltro all’osso il personale attivo nei singoli comprensori. Votata dalla maggioranza e da Celletti, con l’astensione degli altri cinque consiglieri d’opposizione, la questione merita ulteriori approfondimenti.

4 Commenti

Sinora 4 Commenti su IMU, avanti tutta! Il consiglio approva le aliquote 2012. Vuoi lasciarne uno tuo?

  1. Non vedo l’ora di rientrare a Tarquinia per incontrare un mio amico giù alla zona artigianale e sentirlo bestemmmiare. Gli riesce così bene quando è motivato che diventa uno spettacolo.

    Well-loved. Like or Dislike: Thumb up 10 Thumb down 0

  2. Esaminiamo le dichiarazioni del sindaco punto per punto, al di là della apparente, esteriore, demagogica indignazione.

    Punto 1 : ” Chi ha concepito l’IMU è matto da legare”

    L’IMU è stata approvata in parlamento col voto convinto e determinante di Pd e PDL. Da quello che dice il sindaco, sembra che il PD sia un partito di matti. Io, personalmente, non lo credo, anche se non appartengo al PD. Se il sindaco ritiene che nel suo partito predomini la follia, la conclusione più logica sarebbe quella di uscirne fuori, per non essere preso anche lui per matto. Se il sindaco la pensa diversamente, gli chiedo umilmente e senza opinioni preconcette di spiegarmi la ragione per cui, oltre che restare in un partito di matti, ne esegue anche gli ordini in maniera zelante, applicando il massimo dell’aliquota, quando avrebbe la possibilità di ridurla.

    Punto 2 : “Lo stato chiede a noi comuni di fare da esattori, vuole il 3,8 per mille fisso sui terreni come su altre pertinenze e noi dobbiamo mettere queste aliquote per garantire i servizi al cittadino.”

    Come si spiegava in precedenza, e come ha fatto osservare il consigliere Celletti, nonostante il sottoscritto sia distante dal Movimento cinque stelle, il sindaco ha la facoltà di non applicare il massimo dell’aliquota. Egli sostiene che lo fa per garantire i servizi ai cittadini. Spero che nella prossima previsione di bilancio, vi sia un elenco puntuale delle spese presunte degli eventuali servizi che giustificano tale decisione. Il sottoscritto e la cittadinanza, soprattutto quelli come me che lo hanno votato, osano sperare che tra le spese dei servizi non rientrino opere ed iniziative suppletive, estranee ai servizi, ma atte a garantire semplicemente la visibilità per questo o quell’assessore.

    Punto 3 : ” Ed il peso lo abbiamo distribuito su tutte le categorie, perché io non voglio fare discriminazioni:”

    Lascio giudicare agli agricoltori ed ai titolari di attività produttive, vale a dire la componente economicamente basilare di Tarquinia, la veridicità di questa affermazione.

    Punto 4 : ” A Montalto hanno tenuto bassa l’aliquota sui terreni, è vero, ma hanno colpito pesantemente le attività produttive”.

    Ammesso che sia così ( verificherò in seguito la veridicità dell’affermazione ), il sindaco avrebbe potuto fare una figura senz’altro migliore del suo collega di partito. Sarebbe bastato mantenere bassa l’aliquota sui terreni e non colpire pesantemente le altre attività produttive. Lei, egregio sindaco, non ha fatto né l’una né l’altra cosa.

    Well-loved. Like or Dislike: Thumb up 15 Thumb down 1

  3. “0,1% per i fabbricati rurali a uso strumentale”… in pratica per chi vive in villoni spacciandoli per fabbricati rurali pagherà meno rispetto a chi vive in un appartamento però si compenserà con i terreni agricoli con lo 0,76%… tranne per quelli che hanno comprato un fazzoletto di terreno solo per costruirci sopra il loro bel villone in campagna e pagheranno solo lo 0,1%!! Mazzola degno del miglior Berlusconi, l’elettorato di Berlusconi è lo stesso di Mazzola, quelli che vogliono vivere al di sopra delle proprie possibilità e sembrano essere molti a Tarquinia… pagheranno meno IMu rispetto a chi vive in appartamento… che schifo!

    Well-loved. Like or Dislike: Thumb up 11 Thumb down 1

  4. Certo che se prima di approvare le aliquote IMU ci avessero fatto sapere in modo dettagliato quali sono le spese che intendono affrontare, forse sarebbe stato tutto più trasparente e comprensibile. Non mi piacerebbe che in sede di approvazione del Bilancio, uscissero fuori spese del tipo: catene, colonnine e affini o luci di vario colore delle quali non sentiamo assolutamente la necessità in periodi di austerità come questo. Preferiremmo invece essere certi che nel Bilancio siano inserite voci che prevedano la creazione di posti di lavoro ai nostri giovani, oppure capitoli che riguardano la salvaguardia della salute dei cittadini. Pertanto confidiamo nell’intelligenza del Popolo Tarquiniese e nella minoranza che ci rappresenta affinché vigili consapevolmente sull’operato di Questa vecchia/nuova amministrazione (Vedi le dichiarazioni del Consigliere Centini).

    Well-loved. Like or Dislike: Thumb up 11 Thumb down 3

Lascia un commento