Artetruria, visita guidata alla scoperta delle chiese di Tarquinia

Riceviamo e pubblichiamo

Santuario di ValverdeScopriamo le bellezze della nostra città! È questo il motto di Artetruria che, per la XXVI Giornata Internazionale delle Guida Turistica, in programma sabato 21 febbraio, proporrà un affascinante tour (gratuito) nel centro storico di Tarquinia, alla scoperta delle chiese di San Martino, San Giacomo, Santa Maria in Castello, del Salvatore e del santuario di Valverde.

«Tarquinia, oltre agli straordinari siti etruschi, presenta un notevole centro storico. – sottolinea Artetruria – Un patrimonio culturale di grandissimo valore che merita di essere conosciuto e valorizzato». Cattedrale della città fino al 1435, la chiesa di Santa Maria in Castello è uno dei simboli di Tarquinia e presenta all’interno splendide decorazioni dei cosmati. La chiesa di San Martino è probabilmente la più antica della città ed è suddivisa in tre navate e lungo quella di sinistra si può vedere ciò che resta di un affresco del XV secolo raffigurante Sant’Anna e la Vergine col Bambino. Risalente al sec. XII, la chiesa del Salvatore presenta una facciata molto lineare, con unico portale sormontato da un arco, e una sola navata terminante in un’abside al cui interno è visibile un affresco della fine del XV secolo raffigurante il Salvatore. In stile romanico, la chiesa di San Giacomo ha una cupola a pianta ellittica, di evidente derivazione araba, sopra al transetto, caratteristica di questa costruzione. Posto fuori dalla cinta muraria, il santuario di Valverde ha tre navate e conserva un dipinto bizantino raffigurante la Madonna, patrona di Tarquinia. La partenza della visita guidata (a piedi) sarà alle ore 15 da piazza Giacomo Matteotti. L’iniziativa ha il patrocinio del Comune di Tarquinia. Per informazioni è possibile chiamare al 331/8785257 o scrivere ad [email protected].

“Tarquinia: momenti di modernità”: venerdì la presentazione del volume di Marziano

Riceviamo e pubblichiamo

PortoghesiVenerdì 7 novembre 2014 alle ore 17, presso la Sala del Consiglio Comunale di Tarquinia, in via Matteotti 7, sarà presentato il libro di Luciano Marziano dal titolo Tarquinia: momenti di modernità. Architettura del secolo XX.(Davide Ghaleb Editore). La manifestazione , presieduta dal sindaco di Tarquinia, Mauro Mazzola, sarà introdotta da Angelo Centini, Presidente della Commissione consiliare cultura e da Alessandro Antonelli Presidente dell’Università Agraria di Tarquinia. Interverranno Maurizio Brunori, scrittore, Elisabetta De Minicis, docente Università della Tuscia, Antonello Ricci, scrittore e performer.

La ricerca di Luciano Marziano focalizza talune presenze architettoniche sorte in città nel secolo XX all’insegna della continuità che collega la città moderna a quella storica. Assunta la modernità come razionalità di interventi organici a una visione generale del territorio , l’autore ne individua i momenti significativi analizzandoli in una serie di capitoli schede. Il resoconto, svolto secondo un ordine cronologico, coglie gli elementi caratterizzanti il paesaggio urbano di Tarquinia che, a partire dall’Acquedotto settecentesco, perviene alla recente realizzazione della Piscina comunale.

Le testimonianze architettoniche realizzate nel secolo XX sono inserite in un quadro che fa riferimento, per oggettiva connessione, anche a situazioni sorte nel secolo XIX alcune delle quali rimangono indicative del la vocazione manifatturiera della città . Pertanto, il racconto ha quali momenti di svolgimento la Cartiera, il Borgo delle Saline, l’Acquedotto San Savino, il Palazzo Massi, la Casa popolare e l’immob ile di Viale Dasti, l’Ospedale, il Silos granario , la Scuola di paracadutismo , il Borgo dell’Argento, le Case per lavoratori Enel, le Scuole materna e per l’infanzia, il Top 16, i nuovi insediamenti.

Taluni manufatti attestano la presenza in Tarquinia di architetti e artisti di fama internazionale quali Luigi Figà-Talamanca (Palazzo Massi), Massimiliano Fuksas (ScuolaMaterna), Paolo Portoghesi (Complesso case Enel), Carlo Boccianti (Borgo dell’Argento). Sottolineata l’incisiva attività del grande artista cileno Sebastian Matta che ha vissuto e operato in Tarquinia. Alcune strutture sono state elaborate da operatori locali che, con intelligenza, hanno introiettato la lezione dei suindicati maestri.

La ricerca si muove nello spirito di quello che Renzo Piano definisce rammendo e, pertanto , è indirizzata alla tutela e valorizzazione di un vissuto urbano quale segno di continuità storica nella convinzione che la “bellezza” non può essere limitata al passato e che, quindi, occorre fare i conti con un presente che, per molti versi, è già storia. L’ampio supporto iconografico è stato elaborato da Roberto Ercolani, Lucio Lamberti, Mariana Cisneros che di ogni soggetto preso in considerazione hanno offerto un’interpretazione esteticamente convincente.

“Le mura medievali di Viterbo tra Siena e Roma”: se ne parla a Palazzo Brugiotti

Riceviamo e pubblichiamo

viterbo_muraLe mura medievali di Viterbo tra Siena e Roma, questo il titolo del Convegno di Studi promosso dagli assessorati alla Cultura e ai Lavori Pubblici del Comune di Viterbo, in programma sabato 14 dicembre alle 9,30 a Palazzo Brugiotti (via Cavour 65). L’evento, curato dall’architetto Renzo Chiovelli, focalizzerà l’attenzione sulle antiche cinte murarie delle tre città italiane. Ne parleranno, sotto vari aspetti, esperti, studiosi professionisti, tra cui lo stesso Chiovelli, Daniela Esposito e Rossana Mancini, docenti dell’Università La Sapienza, gli architetti Ferdinando Contessa e Sebastiano Meloni per il Comune di Viterbo, Fabio Gabbrielli, docente dell’Università degli Studi di Siena e l’architetto Sandra Pifferi. Durante il convegno si parlerà di tipologie e tecniche costruttive delle mura urbane di Viterbo, tra l’eredità di Roma e la contemporaneità di Siena, delle mura aureliane di Roma, di ricostruzione medievale di torri e cortine, della fortificazione in area romana tra XIII e XIV secolo, ma anche delle mura urbane del patrimonio di San Pietro in Tuscia, delle porte e delle mura di Siena tra XII e XV secolo. In apertura del convegno verrà inoltre presentato il progetto di restauro delle mura della città di Viterbo. L’evento si aprirà con i saluti istituzionali da parte del sindaco di Viterbo Leonardo Michelini e del presidente della Fondazione Carivit Mario Brutti.

Estate con gli Etruschi: degustazioni gratuite presso le Necropoli di Tarquinia e Cerveteri

Al via il nuovo ciclo estivo di degustazioni gratuite presso la necropoli etrusca di Monterozzi, a Tarquinia, e la necropoli della Banditaccia di Cerveteri, entrambe patrimonio dell’Umanità Unesco. L’iniziativa, ormai molto apprezzata e consolidata nel tempo, si propone di promuovere e divulgare la cultura etrusca attraverso le tipicità alimentari di una terra che, nello scorrere dei millenni, non ha mai perso la sua vocazione nella produzione di vini e prodotti della terra.

In occasione dell’estate, le degustazioni offerte ai visitatori presso i punti ristoro situati nelle due necropoli, avranno cadenza quotidiana. Si parte dunque con i vini bianchi e i dolci delle terre etrusche.

La “Vitis vinifera”, antenata della vite dei nostri giorni, cresceva spontaneamente nel territorio dell’Etruria da tempi immemorabili, ma la coltivazione della vite per la produzione del vino fu introdotta proprio dagli Etruschi. Si possono contemplare scene e spaccati di vita etrusca legate al vino attraverso gli affreschi delle tombe dipinte di Tarquinia.

I golosissimi tozzetti, immancabili nelle tavole dell’Etruria, biscotti rustici preparati con ingredienti semplici e genuini quali il miele e le nocciole, saranno accostati ai delicati vini bianchi tipici del territorio.

Le due necropoli, seppure molto diverse tra loro, costituiscono un’unica ed eccezionale testimonianza dell’antica civiltà etrusca, l’unica civiltà urbanizzata nell’Italia pre-romana. La necropoli di Monterozzi a Tarquinia possiede un icomparabile patrimonio artistico nelle sue tombe dipinte, mentre la necropoli di Cerveteri è famosa nel mondo per l’imponenza e la bellezza delle sue grandi tombe a tumulo.

Ricordiamo che il 2 luglio del 2004 a Guzhou (Cina), le Necropoli Etrusche di Tarquinia e Cerveteri sono state dichiarate dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità perché capolavori del genio creativo: le grandi pitture murali di Tarquinia sono eccezionali sia per la qualità di esecuzione che per il loro contenuto, che rivela aspetti della vita, della morte e del credo religioso degli antichi Etruschi; Cerveteri mostra in un contesto funerario il progetto urbanistico e gli schemi architettonici che venivano applicati nella progettazione delle antiche città.

Per informazioni:

Museo Nazionale Archeologico
Piazza Cavour – Tarquinia (VT)
tel. 0766.850080
Orario: 8.30 – 19.30
La biglietteria chiude un’ora prima

Necropoli del Calvario di Tarquinia
tel. 0766.840000
Orario 8.30 – 18.30
La biglietteria chiude un’ora prima

www.necropoliditarquinia.it

XIV Settimana della cultura a Tarquinia

Ai nastri di partenza la ormai classica e attesa “Settimana della Cultura” promossa dal ministero per i Beni e le Attività Culturali. Per ben 9 giorni, dal 14 al 22 aprile, anche la necropoli etrusca del Calvario, famosa per le sue tombe dipinte, patrimonio dell’Umanità Unesco, e il Museo Nazionale Archeologico di Tarquinia apriranno le loro porte gratuitamente a tutti i visitatori.

Durante la “Settimana della Cultura”, nata per la promozione e la diffusione della cultura e del patrimonio artistico e archeologico italiano, la necropoli della città dei Tirreni, proseguirà le sue iniziative, rigorosamente gratuite. Fra tutte, le degustazioni di prodotti tipici delle terre etrusche, a richiesta presso il punto ristoro della necropoli e “Voglia d’Arte” che, tramite il noleggio del kit da disegno disponibile presso la biglietteria, permette ad adulti e bambini di trasformarsi in artisti per un giorno all’interno dell’area archeologica. Il materiale messo a disposizione dalla necropoli è composto da una matita carboncino, una sanguinella, gomma pane e foglio da disegno. Per assicurarsi “Voglia d’Arte, è consigliabile la prenotazione.

Per chi volesse effettuare una visita autonoma ma approfondita delle necropoli e del museo etrusco, sono inoltre disponibili, a pagamento, le audioguide in italiano, inglese, francese e tedesco. Anche per i più piccini sono noleggiabili le archeoguide, che accompagnano i bambini lungo il percorso della necropoli con divertenti e interessanti racconti animati.

Per informazioni:

Museo Nazionale Archeologico
Piazza Cavour – Tarquinia (VT)
tel. 0766.850080
Orario: 8.30 – 19.30
La biglietteria chiude un’ora prima

Necropoli del Calvario di Tarquinia,
tel. 0766.840000
Orario 8.30 – 18.30
La biglietteria chiude un’ora prima

A Tarquinia, Capodanno con gli Etruschi

Il 1° gennaio apertura straordinaria della Necropoli Etrusca (patrimonio dell’umanità) e del Museo Nazionale Archeologico di Tarquinia. Anche il 31 dicembre, sia il museo che la necropoli saranno regolarmente aperti.

Ciò permetterà ai tanti visitatori appassoniati del popolo dei Tirreni di godere del grande patrimonio culturale lasciatoci dagli Etruschi e di chiudere in bellezza un 2011 che ha segnato un forte incremento di visitatori nel sito Unesco. Nuovi appassionati si sono aggiunti agli estimatori degli Etruschi e nuove scoperte archeologiche hanno reso l’anno che ci sta lasciando assolutamente indimenticabile.

Per godersi un inizio d’anno nella Necropoli e nel Museo Etrusco di Tarquinia, beni archeologici e culturali tra i più importanti d’Italia, il 1° gennaio, i due siti dell’antica città, saranno aperti al pubblico in via straordinaria con i seguenti orari:

Necropoli del Calvario
apertura ore 9,30 – chiusura ore 15,30
La biglietteria chiude alle ore 14,00

Museo Nazionale Archeologico
apertura ore 13,30 – chiusura ore 19,30
La biglietteria chiude alle ore 18,00

Nel 2012 sono in programma tanti appuntamenti ed aperture strordinarie con ingresso gratuito che si susseguiranno, a partire da S.Valentino alla Festa della Donna, alle seguitissime Settimana della Cultura (aprile) e Giornate Europee del Patrimonio del mese di settembre.

Per informazioni:

Necropoli del Calvario
Strada Provinciale Monterozzi – Tarquinia (VT), tel. 0766.840000
Orario: 8,30 – 14,00
La biglietteria chiude alle ore 12,30

Museo Nazionale Archeologico di Tarquinia
Piazza Cavour – Tarquinia (VT), tel. 0766.850080
Orario di apertura 8,30 – 19,30
La biglietteria chiude alle ore 18,00

Natale con gli Etruschi: aperture straordinarie e iniziative durante le festività

Fioccano iniziative per grandi e piccini durante tutte le festività natalizie nella Necropoli etrusca del Calvario e nel Museo Nazionale Archeologico di Tarquinia. Presso la Necropoli etrusca del Calvario, patrimonio dell´Umanità Unesco, i visitatori potranno partecipare alle iniziative varate in autunno e che, grazie al gradimento del pubblico, rimarranno attive anche durante le feste. Via libera dunque a estro e creatività con “Voglia d´arte” e al piacere del palato con le “Degustazioni delle feste” presso il punto ristoro della necropoli.  Il clima particolarmente gradevole, anche durante l´inverno, di Tarquinia, consente di visitare piacevolmente le spettacolari tombe dipinte e di approfittare di “Voglia d´arte” per dare sfogo alla propria vena artistica, noleggiando gratuitamente il kit da disegno presso il bookshop della necropoli.  L´iniziativa é valida anche per i piccoli visitatori, che avranno il benvenuto dall´albero delle caramelle, allestito appositamente per loro. Sempre per quel che riguarda i bambini, ricordiamo che sia presso la Necropoli del Calvario, che presso il Museo Nazionale Archeologico sono disponibili le audioguide sotto forma di cartone animato. Per gli adulti che desiderano visitare le strutture etrusche in completa autonomia, sono invece a disposizione le archeoguide in italiano, francese, inglese e tedesco. La Necropoli del Calvario di Tarquinia rimarrà aperta in via straordinaria il 25 e 26 dicembre. Domenica, 25. 12. 2011 la Necropoli osserverà  l´orario 9:30 – 15:30. Acquistando un biglietto cumulativo sarà possibile visitare anche il Museo Nazionale Archeologico, che ricordiamo rimarrà chiuso solo il 25 dicembre.

Per informazioni:

Biglietteria Necropoli del Calvario
Strada Provinciale Monterozzi – Tarquinia (VT), tel. 0766.840000
Orario: 8,30 – 14,00
La biglietteria chiude alle ore 12,30

Museo Nazionale Archeologico di Tarquinia
Piazza Cavour – Tarquinia (VT), tel. 0766.850080
Orario di apertura 8,30 – 19,30
La biglietteria chiude alle ore 18,00

http://www.necropoliditarquinia.it