Magicar ipoteca i quarti, tra Comet e Borzacchi è pareggio con rimpianti

Tra Magicar e Autopiù bel primo tempo, con continui capovolgimenti di fronte, ma il risultato non si sblocca. È nella ripresa che arrivano i gol: Magicar avanti con De Fazi, ma Autopiù riesce a ribaltare il risultato con un uno-due micidiale. Nuovo pari ancora con De Fazi, poi momentaneo vantaggio di Elisei subito riagguantato da Autopiù. Il gol del definitivo 4 a 3 per i bianco verdi porta la firma di Vincenzo Giorgi.

Match scoppiettante anche la successiva sfida tra Comet e Az. Borzacchi: ferme entrambe a zero punti, le due squadre si sfidano per rilanciarsi verso la qualificazione e giocano a viso aperto. Tra numerosi legni ed il tentativo di fuga da parte di Comet, andata avanti 3 a 1, il risultato finale dice 4 a 4. Mattatore Luca Livi, autore di una tripletta.

Agraria, Catini e Fiaccadori: “Continuare così non ha senso”

Riceviamo e pubblichiamo

“Continuare così non ha alcun senso”. Questo il commento a caldo dei Consiglieri Manuel Catini e Marco Fiaccadori che analizzano la situazione dell’ Università Agraria e nello specifico sulla crisi della Giunta Antonelli. Un film che dura da un mese e che deve ancora trovare un finale, il Presidente Antonelli dimostri coraggio e prenda una decisione sul futuro della Giunta da lui presieduta. In un momento come questo la politica e i suoi giochi non possono ostacolare il lavoro amministrativo di un Ente come l’Università Agraria, soprattutto quando ci sono necessità impellenti da risolvere. Alle parole diramate agli organi di stampa qualche giorno fa dallo stesso Presidente seguano i fatti. Si assuma la responsabilità di nominare chi meglio crede senza lasciare spazio ai capricci ormai classici di qualche amministratore che vuole insistentemente accomodarsi sui scranni consiliari volendo far dimettere altri. Sgomberare il campo da logiche correntizie e dimostrare bene per l’ente, questo è il suggerimento che vogliamo dare, oppure sono comprensibili quei cittadini che dimostrano giorno dopo giorno sdegno e disaffezione alla politica perché non interpretata come servizio verso la collettività. Non è più possibile tollerare questi atteggiamenti di amministratori troppo “viziati” che vogliono apparire e prevalere sugli altri. Cali quanto prima il sipario su questo spettacolo a nostro avviso poco decoroso.

Manuel Catini e Marco Fiaccadori
Consiglieri Pdl Università Agraria

A Caffeina domenica si parla di violenza familiare

Riceviamo e pubblichiamo

“Violenze familiari e condotte d’abuso. Quando l’orco esce dalle favole”: questo il tema dell’incontro in programma domenica 8 luglio, alle ore 21, a Piazza Cappella, a Viterbo, nell’ambito del programma di Caffeina 2012.

La tematica proposta dal CSC – “Centro per gli Studi Criminologici” vuole aprire uno spazio di riflessione sullo scarso potere del minore, in modo particolare del bambino in età pre-scolare, in ambito processuale, sia civile che penale. Nonostante la Psicologia e Psicopatologia Infantile, dai primi del Novecento ad oggi, abbia indicato le vie da percorrere per offrire elementi di comprensione di un periodo della vita, quale quello dell’infanzia, che assumerà una valenza dominante nei futuri processi, adolescenziali prima e adulti poi, da un punto di vista operativo tutto rimane sulla carta.

Il bambino ad usum della coppia genitoriale conflittuale, in caso di separazione e su richiesta di affidamento, è nota agli addetti ai lavori. Il bambino maltrattato o abusato all’interno del sistema familiare diventa, in un processo di valutazione dell’ipotetico abuso, vittima del processo stesso in quanto la lettura e l’interpretazione del disagio correlato all’ipotetico reato assume valenza probatoria esclusivamente in presenza di evidenze cliniche di tipo fisico. Il bambino, quindi, in Tribunale perde sempre.

Perde perchè la logica zoppica quando il piede calza una scarpa con numero inferiore al 24; perde perchè l’articolo 572 del  C.P. parla di Maltrattementi in famiglia o verso fanciulli utilizzando un termine obsoleto per definire il bambino e soprattutto non riconoscendo lo stesso come elemento autonomo all’interno del sistema familiare. Il suddetto articolo è infatti inserito all’interno del Capo IV – Dei delitti contro l’assistenza familiare. Manca un riferimento normativo differenziato dei delitti contro il minore all’interno del sistema familiare.

E’ chiaro che parlare di maltrattamenti o abusi familiari, ma anche di pressioni morali, di persuasioni a potente valenza suggestionabile, di mortificazioni e squalifiche, non necessariamente fisiche ma soprattutto psicologiche, su un bambino non in grado di difendersi da tali attacchi aggressivi all’interno del suo sistema familiare è doloroso, sono situazioni che nessuno vorrebbe ascoltare perchè è più facile rimuovere oppure negare piuttosto che porsi in posizione di ascolto quando un bambino cerca di far capire che l’orco che esce dalle favole ha il volto del padre oppure della madre o di qualunque altra persona inserita nel circuito familiare.

 Partecipano :
Anita  Lanotte
Psicologa Psicoterapeuta- Consiglio Direttivo Associazione Italiana di Psicologia Giuridica (A.I.P.G)
Sandra Recchione
Magistrato presso il Tribunale di Torino
Pompilia Rossi
Avvocato  esperto in diritto di famiglia e minorile

Saluti:
Rita Giorgi
Responsabile scientifico del CSC

Organizzazione eventi in Piazza Cappella:
Cristina Pallotta

Il Presidente
Marcello Cevoli

Piano di lottizzazione per l’Università Agraria a San Giorgio

Riceviamo e pubblichiamo

Continua l’operazione volta alla realizzazione del piano di lottizzazione dell’Università Agraria di Tarquinia in località San Giorgio. Un piano a basso profilo speculativo e dall’elevata attenzione ecologica, con elementi qualificanti come il recupero delle acque piovane, l’autosufficienza energetica basata su fonti rinnovabili, aree verdi superiori al 30%, oltre l’ abbattimento totale delle barriere architettoniche. Un modo diverso di costruire che vuole raccordare gli edifici con il sistema ambiente in cui sorgono.

In tal senso va letta la scelta di affidare la verifica di assoggettabilità alla V.A.S. (Valutazione Ambientale Strategica), atto propedeutico all’approvazione del piano, al Professor Claudio Carere del Dipartimento di Scienze Ecologiche e Biologiche – Centro Ittiogenco Sperimentale Marino dell’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo.

Obbiettivo verificare in via preliminare l’impatto del piano di lottizzazione sull’avifauna che ha colonizzato le zone prossime al sito.

“È evidente che l’Università Agraria non costruirà case. – spiega il Presidente Alessandro Antonelli – Il Piano Regolatore prevede sui terreni gestiti dall’Ente questa opportunità nel comparto di San Giorgio. Nessuna logica speculativa, ma un piano di lottizzazione diverso, in cui il vero parametro delle scelte sia il sistema ambiente. Vincoli per chi si aggiudicherà il terreno e il piano approvato, previa evidenza pubblica, che diano il senso di un modo diverso di costruire. Nonostante questi parametri ecosostenibili si parla di un valore economico notevole misurato in milioni di Euro. La scelta dell’Università della Tuscia per la verifica di assoggettabilità alla V.A.S., rientra nell’ottica della massima trasparenza. Fondamentale il rispetto dell’avifauna presente e ogni prescrizione in tal senso deriverà da un professore di chiara fama e da un ateneo di prestigio. Nessuna scorciatoia, le finalità di salvaguardia e tutela vanno oltre le logiche economiche”.

Nasce il Circolo Forense Cornetano: la presentazione venerdì in Comune

Riceviamo e pubblichiamo

Si è costituita a Tarquinia, in data 9 marzo 2012, l’associazione culturale denominata “Circolo Forense Cornetano” che ha lo scopo di promuovere sul territorio attività di carattere culturale nel settore giuridico, divulgando la conoscenza del diritto, anche a scopo di formazione e aggiornamento professionale. All’assemblea del 9 marzo scorso è stato eletto il Consiglio direttivo nelle persone degli avvocati Antonello Marcocci, Marina Massi, Norberto Ventolini, Raniero Pelucco e Federico Dinelli.

L’associazione, assolutamente apolitica e senza scopo di lucro, si fonda sul volontariato dei suoi soci e si ispira ai principi di democrazia, di solidarietà e di partecipazione, con l’intento di diffondere gli ideali di giustizia e di abbattere quei pregiudizi nei confronti di un tema così delicato, come è, appunto, quello della giustizia.

Il giorno venerdì 6 luglio 2012, alle ore 17, presso la Sala Consiliare del Comune di Tarquinia, si terrà un seminario dal titolo “L’Avvocato oggi, una professione da scoprire” e con l’occasione verrà presentata ufficialmente, a tutti coloro che vorranno partecipare, l’associazione culturale Circolo Forense Cornetano che ha già eletto il suo Presidente nella persona dell’Avv. Norberto Ventolini. In occasione del Convegno verranno attribuiti 4 crediti formativi di Deontologia.