Quando Brigetto correva appresso al pallone…

Pubblicato il 30 lug 2011 con 4 Commenti

di Renato Rosati

Forse non sono un attento lettore, ma nei quotidiani locali non ho trovato nessuno scritto circa la ricorrenza della morte, avvenuta il 20 luglio del 1978, di Angelo Jacopucci. Questo compito, lo scorso anno, l’aveva svolto (con mio compiacimento) “Il Fatto Quotidiano”.
Penso sia giusto, perciò, che – seppur in ritardo – L’extra possa ricordare Angelo, magari sotto un aspetto diverso da quello, consueto, del pugile.

Per questo, pubblichiamo una foto di “Brigetto” calciatore – ebbene sì, era un appassionato di calcio – in una delle tante sfide organizzate al Bar Diana. Nella foto, datata 1972, si riconoscono:
In piedi da sinistra: (a cavalluccio) Piero Daga, Francesco De Riu, Roberto Cesarini, Roberto Rosati, ?, Lorenzo Paoloni, Ovidio Angeletti, Alberto Benetti, Renato Rosati , Angelo Jacopucci.
Accosciati: Tiziano Bocchio, Adorno Brunori, Armando Pacifici (Bazzano).

 

4 Commenti

Sinora 4 Commenti su Quando Brigetto correva appresso al pallone…. Vuoi lasciarne uno tuo?

  1. una squadra epica….

    Thumb up 0 Thumb down 0

  2. è sparito il commento antecedente quello di cipicchia ?

    No, nessuna “sparizione”. Il commento a cui si riferisce si trova nella pagina con la miniatura dell’immagine che il database genera automaticamente e nella quale l’utente “Tempus Fugit” lo ha inserito credendo, forse, che sarebbe stato visibile sotto il post principale.
    Ecco il link alla pagina: http://www.lextra.info/public/web/?attachment_id=5902

    Thumb up 0 Thumb down 0

  3. Sorry guys.
    Mea culpa.

    Nessuna colpa, nessun problema, anzi: la sua domanda ci ha offerto l’opportunità di fornire un ulteriore dettaglio sulle modalità d’uso del portale.
    admin

    Thumb up 0 Thumb down 0

  4. Queste foto “antiche” di cui Renato Rosati è appassionato e minuzioso raccoglitore e collezionista, sono preziose. Spaccato di vita cittadina ci permettono di ricordare persone che comunque, sono rappresentative della nostra storia e della nostra cultura. Renato per questa sua opera di salvaguardia e recupero della nostra vita passata, merita un grazie di cuore.

    Thumb up 1 Thumb down 0

Lascia un commento