Festa di fine anno alla Corneto: gioco e premiazioni per i saluti di chiusura di stagione – VIDEO

Immagine anteprima YouTube

DSC_2387Festa di fine anno tra studio e divertimento per il settore giovanile della Corneto Tarquinia, che nello scorso weekend ha ospitato Massimo De Paoli, uno dei punti di riferimento in Italia in tema di divulgazione su metodi, strategie e filosofie di allenamento.

Proprio De Paoli, assieme a Simone Tofa ed alla psicologa Isabella Gasperini, è stato il mattatore di un clinic di sei ore – tra campo, con esercitazioni pratiche, ed aula – alla presenza di trenta istruttori provenienti dalle province di Roma e Viterbo, in una sperimentazione per la prima volta applicata nella Tuscia. Nell’occasione si è provveduto anche alla presentazione, da parte di Massimo De Paoli, del libro realizzato da Massimiliano Coluccio con la partecipazione della dottoressa Gasperini, del Prof. Rodiciani, del Dott. Tofa e dello stesso De Paoli dal titolo “Lasciamoci convincere che è soltanto un gioco”, tratto dall’esperienza vissuta in questi anni a contatto con i ragazzi.

DSC_2781-(2)Poi spazio al pallone con i più piccolini, con un pomeriggio dedicato interamente al gioco ed alle premiazioni per le categorie giovanissimi 2001 e 2002, esordienti 2003 e 2004, pulcini 2006, pulcini 2005 e scuola calcio 2007/2008/2009.

Una festa per i bambini, ma anche per gli istruttori del settore giovanile che nel corso dell’anno li hanno seguiti con passione, professionalità ed attenzione: Massimo Casali, Claudio Quaranta, Sandro Blasi, Fabiola Moschetta, Alessandro Cea, Fabrizio Ercolani, Luca Arillo, Mario Rezzonico, Oscar Felci, Matteo Costa, Mauro Alessi, Vincenzo Costa, Daniele Marcomeni, Raffaele Mauro. A tutti loro ed al Segretario Antonio Menegaldo va il sentito ringraziamento della società.

La generosità degli istruttori, peraltro, non si ferma a quanto dato sul campo, ma va oltre, con una donazione che anche quest’anno ha permesso un aiuto a realtà tarquiniesi bisognose. Lo scorso anno, infatti, si era dato supporto al reparto oncologico dell’ospedale di Tarquinia – con un televisore per chi purtroppo deve fare chemioterapia – ed a due associazioni di volontariato di Tarquinia che accompaMassimo-De-Paolisgnano i bisognosi di dialisi o di cure negli ospedali del comprensorio.

Quest’anno, invece, alcuni istruttori hanno rinunciato al compenso del mese di maggio per contribuire all’acquisto di un personal computer per il reparto oncologico dell’ospedale di Tarquinia e di materiale scolastico per la scuola elementare Nardi.

“Un grazie enorme va poi a tutti i genitori – spiegano dal settore giovanile della Corneto – in particolar modo a quelli della categoria 2006 che si sono messi a disposizione preparando tutto quanto necessario per la festa del pomeriggio e per la cena della serata. Un ringraziamento particolare a Domenico Cesarini ,che con la sua simpatia coinvolgente è sempre presente in prima linea quando c’è da organizzare”.

ALLIEVI PROVINICIALI – La Corneto non trema: vittoria in finale ai calci di rigore

La stagione perfetta! Gli Allievi della Corneto Tarquinia – già dominatori del proprio girone del campionato provinciale, vinto con due giornate d’anticipo – hanno sconfitto ieri mattina, sul campo neutro di Blera, la Virtus Bracciano, aggiudicandosi la finalissima provinciale.

Una battaglia che pareva interminabile, decisa ai calci di rigore dopo che I regolamentari si erano conclusi sull’1 a 1: ancora un successo, quindi, per i ragazzi di Mister Blasi, che alzano al cielo la coppa al culmine di un’annata indimenticabile.

INTERVISTA: Peppe Iacomini a tutto campo, dalla Corneto alla politica

Immagine anteprima YouTube

Ultimo allenamento di una stagione lunga, iniziata lo scorso inizio agosto. Un anno calcistico che per la Corneto Tarquinia è vissuto tra emozioni, crescita, passi falsi, scoperte, addii, soddisfazioni e qualche rimpianto. Per L’extra lo racconta il capitano della compagine giunta con ampio anticipo alla salvezza, per scoprire che quell’obiettivo era sin troppo modesto e, forse, lasciarsi dietro qualche rammarico.

Nelle parole del portierone di Blera, i momenti della stagione appena conclusa, i pensieri sul futuro e le sensazioni alla vigilia di un’esperienza per lui del tutto inedita, con la candidatura come amministratore alle prossime elezioni al Comune di Blera.

Corneto Juniores: 3 a 0 al Monterosi per scacciare le paure

Calcio - Eccellenza LazioLa juniores regionale della Corneto Tarquinia vince il confronto con il Monterosi con un netto 3 a 0 e per festeggiare la salvezza attende solamente il verdetto del giudice sportivo per l’omologazione del risultato tra Nuova Aureliana e Olimpia. Se confermato il risultato del campo la Corneto pur arrivando sest’ultima rimarrebbe nella categoria senza disputare il play out in virtù del divario superiore agli otto punti con la terz’ultima. Nell’ultima partita casalinga la Corneto doveva assolutamente vincere per difendere il sest’ultimo posto e così è stato. Primo tempo sofferto con la rete del vantaggio segnata da Pietrangeli e risultato salvato da alcuni buoni interventi del portiere Vittori. Nella ripresa la paura la fa da padrona così come l’imprecisione sotto porta degli avanti rossoblù. A chiudere definitivamente i giochi ci pensa Favetta autore di una doppietta. Si chiude così una stagione alquanto travagliata dove senza l’apporto fondamentale dei 98 e dei fuoriquota della prima squadra difficilmente ci si sarebbe potuto salovare. Errori organizzativi dei quali bisogna fare tesoro nel futuro prossimo venturo

Negli allievi provinciali l’Etruria calcio supera meritamente i freschi campioni della Corneto Tarquinia. In una mattinata domenicale di primavera inoltrata infastidita da raffiche di vento, primo tempo sonnolento tra due squadre che si annullano a vicenda. Timidissime e in perfetto equilibrio le occasioni da rete. Per i locali ci provano dalla distanza Ceccobello e Pagliaccia, per i tirrenici Suljemani e Crognale. L’immediata accelerazione ripresa targata Etruria calcio, manda letteralmente in tilt nel giro di sei minuti la retroguardia ospite. Gioco veloce e rapido esalta la fase di doppia finalizzazione targata Monachino. Encomiabile reazione ospite che non fa altro comunque che esaltare la quadratura e la tonicità del reparto locale. Al 24° Fabrizio De Alexandris supera con un pallonetto Bredi. Rapido a capire tutto il difensore Gabriele Casaccia che caccia fuori la palla dalla porta. Sedici minuti dopo ci prova Crognale. Bredi per l’occasione sciorina la migliore “versione saracinesca” deviando angolo la sfera. All’ultimo giro di lancetta d’orologio è la volta di Vagni. Sul suo colpo di testa presa bloccata sicura e precisa di Bredi.

PROMOZIONE – Corneto, chiusura con sconfitta: la Boreale passa su rigore

Corneto_StortaUn rigore nel secondo tempo trasformato da Di Gennaro permette alla Boreale di avere la meglio della Corneto e di conquistare il terzo posto, ultimo gradino utile per i play off. Partita vera e piena di capovolgimenti di fronte. Piccola curiosità: l’arbitro Pizzoli aveva diretto il match di andata finito tra mille polemiche ed anche oggi una sua decisione decide le sorti dell’incontro.

Al 3’ subito in evidenza Pastorelli ma Giorgi risponde presente. Al 7’ Di Gennaro scalda su punizione le mani di Iacomini. Al 10’ Filomena sbaglia a tu per tu con il portiere locale. Al 20’, dagli sviluppi di un corner ,Martelli di testa spedisce alto. Al 22’ Giorgi sbaglia il tempo di uscita ma Campari spara alto. Al 35’ Di Gennaro fallisce un contropiede ben orchestrato. Al 40’ risponde Pastorelli, ma Giorgi blocca. Nella ripresa subito Alberghini impegna Iacomini ma al 13’ episodio chiave: contatto Iacomini-Alberghini, per Pizzoli c’è il fallo e Di Gennaro trasforma. La Corneto non ci sta e prova a pareggiare: l’occasione più ghiotta sui piedi di Loi ma Giorgi gli nega il gol.

SPOGLIATOI- Nonostante la sconfitta, volti sereni in casa Corneto. Un’ottima posizione in classifica condita dalla vittoria nel premio disciplina e dalla vittoria di Pastorelli nella classifica marcatori.

D – “Mister Ercolani, ad inizio anno ci avrebbe messo la firma?”
R – Sicuramente sì, però peccato perché nel nostro momento migliore abbiamo sbagliato due partite che potevano proiettarci tra le grandi”.

D – “Squadra giovane che è riuscita a valorizzare i giocatori locali?”
R – “Questo non sta a me dirlo, io ho fatto il mio lavoro cercando di creare in primis un gruppo. Tutti hanno dato il proprio apporto alla causa. Peccato per la sconfitta di oggi ma ai ragazzi non posso rimproverare nulla”.

D – “E sul futuro?”
R – Non è una domanda che dovete rivolgere a me. I matrimonio si fanno in due e per far sì che siano sereni ci debbono essere le stesse vedute.

D – “Intravedo una vena polemica nelle sue parole”.
R – “Assolutamente no, io debbo ringraziare la società che ha creduto in me e tutti i giocatori”.

Piccola curiosità: al termine piccola festa di commiato per l’assistente Nocito che ha portato a termine la sua ultima partita.

CORNETO: Iacomini, Galli, Gibaldo, Martelli, Bordo, Codoni (dal 30’ s.t. Lemme), Loi, Pastorelli, Fattorini (dal 10’ s.t. Bordi), Sabbatini, Campari (dal Rosati 13’ s.t.). A disp: Vittori, Palumbo, Felici, Suriano. All. Ercolani

BOREALE: Giorgi, Fia, Menna Gialli, Pagnottelli, Vulpiani (dal 20’ s.t Martino), Filomena A., Filomena S., Alberghini, Di Gennaro (dal 36’ s.t Navarra), Troccoli A disp: Zannoni, Di Domenico, Gonnella, Ferranti, Pascucci All. Franceschini

ARBITRO. Pizzoli di Ostia (Mazzarella- Nocito)

Ammoniti: Iacomini, Codoni, Martelli, Gibaldo (CT); Vulpiani, Fia, Filomena A. (B).

Marcatori: Di Gennaro al 13 s.t. su rigore

PROMOZIONE – Corneto corsara: 4 a 2 in casa della Guardia di Finanza

11136662_905216686166606_3586506204642152931_nVittoria in trasferta per la Corneto sul difficile campo della Guardia di Finanza. Da una partita in cui le due squadre sin dal primo istante si sono affrontate a viso aperto scaturisce un pirotecnico 4 a 2 in favore degli uomini di patron Santori.

Corneto con gli uomini contati viste le assenze di Rosati, Lemme, Borreale, Forieri (rottura del crociato). Esordio con la maglia da titolare per il classe ’97 Fattorini. Partono forte i padroni di casa, subito in rete dopo nove minuti con un destro dal limite di Manganelli. Sembra il preludio ad una goleada ma ci pensa Pastorelli a prendersi per mano la squadra sfoderando una prestazione maiuscola. Al 14, rilancio lungo di Iacomini, il difensore centrale manca l’intervento e Pastorelli è abile ad infilare il portiere in uscita. La Corneto prende coraggio e al 29, con un ripartenza fulminante di Pastorelli, assist di Fattorini e finalizzazione di capitan Campari passa in vantaggio. Una disattenzione difensiva al 41, permette a Carletti di pareggiare i conti.

Nella ripresa la miglior freschezza atletica della Corneto alla lunga fa la differenza. Altri esordi nelle file tirreniche con i ’98 Palumbo e Felici che assaporano per la prima volta il campo con la prima squadra. Al 30′ assist superbo di Pastorelli che mette Martelli a tu per tu con il portiere avversario, superato con freddezza. Iacomini si supera invece su Manganelli difendendo il vantaggio ed al 44′ è ancora Martelli a chiudere i conti.

“Bella vittoria su un campo difficile. – spiega a fine gara mister Ercolani – Abbiamo dato prova di maturità gestendo la situazione di emergenza con una prova maiuscola da parte di tutti. Faccio i complimenti a Fattorini per l’esordio da titolare e ai due ragazzi provenienti dagli allievi che messi nella mischia sul punteggio di due pari hanno dimostrato una grande personalità”.

Forza Luca: il sostegno de L’extra a Luca Forieri dopo il brutto infortunio

di Attilio Rosati

Anno 2010, campo del Forte Aurelio, campionato juniores fascia B, settima giornata. La Corneto Tarquinia veleggia a punteggio pieno: sei vittorie su sei partite e il Forte Aurelio si chiude come mai ha fatto nella sua vita e sta molto, molto preoccupato. A ragion veduta, perché dopo aver confezionato un bellissimo assist, Luca Forieri si invola sulla fascia, alza la testa e lascia partire un bolide che, nel silenzio generale, gonfia la rete e sgonfia le residue speranze di vittoria della compagine locale, regalando agli etruschi la settima vittoria consecutiva. A quella ne seguiranno altre otto che porteranno la “Corneto dei record”, così veniva chiamata quella formidabile corrazzata, a chiudere il girone di andata senza mai conoscere il sapore insopportabile della sconfitta. E Luca c’era sempre. Ed era garanzia di fantasia, passione e spettacolo.

Negli ultimi due anni questa passione è stata messa a dura prova da una serie di infortuni che avrebbero piegato qualsiasi atleta, culminata con la rottura del crociato e del menisco la scorsa domenica, nella gara contro il Caere. Questo Golgota non piegherà Forieri. Basterà che si ricordi quel giorno a Forte Aurelio, quando da solo fece tremare un paese intero, basterà ricordare di essere Luca Forieri, per avere la certezza che anche questa prova sarà superata. Basterà ricordarsi con quanta passione lo abbiamo seguito e quanto gli vogliamo bene.

Basterà non dimenticare che è uno di noi.

In bocca al lupo, Luca.

E chi non ama la retorica ed il trionfalismo, vada pure a farsi fottere.