Montalto: oro, argento e bronzo per gli atleti della scuola ASD Samurai 2000

Riceviamo e pubblichiamo

Gli atleti della scuola Asd Samurai 2000 che hano partecipato alla gara in inghilterraIl sindaco Sergio Caci e il delegato allo sport Emanuele Litardi, martedì 24 marzo hanno fatto visita alla scuola ASD Samurai 2000 per congratularsi con i ragazzi e il maestro Gianni Ottoni a seguito degli ottimi risultati ottenuti alla gara di karate “Koi”, Scozia-Inghilterra-Italia, che si è svolta domenica 22 marzo a Gillingham (Inghilterra). I sei atleti di Montalto, il giorno precedente la gara, hanno preso parte ad uno stage tenuto dai maestri Steven Morris e Paul Lapsley sulle tecniche di kumite e kata. Al triangolare in Inghilterra Dania Morosini ha partecipato come arbitro internazionale, mentre gli atleti Cristian Agostinello, Federico e Cristian Ottoni, Simone Spada, Giuseppe Fratini e Giulia Morosini hanno conquistato 16 medaglie: 5 oro, 5 argento e 6 bronzo.

«Quella del karate – afferma il delegato allo sport Emanuele Litardi – è una disciplina sportiva che qui a Montalto è sempre più in voga. Ragazzi che si impegnano raggiungendo anche alti livelli come dimostrano gli ultimi risultati ottenuti. Lo sport, come in questo caso, è un segnale di crescita, non solo per il singolo individuo, ma per una intera comunità».

IMG_2343«Rivolgo i miei più sentiti complimenti e ringraziamenti a Gianni Ottoni, Stefania Papa e ai loro ragazzi – aggiunge il sindaco Sergio Caci – che grazie alle tante iniziative sportive messe in campo portano il nome del comune di Montalto in giro per l’Europa. L’amministrazione è vicina a queste iniziative che puntano a valorizzare i giovani, vero volano e futuro per il nostro territorio».

Il 21 e il 22 novembre prossimi il maestro Ottoni, insieme alla maestra Gina Ragazzo organizzeranno, presso il palazzetto dello sport di Montalto, il campionato internazionale “Italian Games”, che ospiterà le nazioni Scozia, Inghilterra e Svizzera.

“A scuola di diversità”, una giornata sul razzismo con gli studenti dell’I.C. statale di Montalto

Riceviamo e pubblichiamo

foto di gruppoSi è svolto venerdì 20 marzo, presso il complesso monumentale San Sisto, l’evento “A scuola di diversità”. Gli studenti della secondaria di primo grado di Montalto e Pescia hanno presentato, insieme ai loro insegnanti Alberto Puri, Massimo Pierozzi e Cristina Pollastrelli uno spettacolo in tre parti sul razzismo e su come è cambiata la sua immagine dal 1938 ad oggi.

Carlo Alberto Falzetti ha parlato del dramma della Shoah e gli studenti hanno spiegato, attraverso letture di vari personaggi legati al razzismo, come il pregiudizio riesce a colpire anche gli italiani all’estero. E’ stata poi rappresentata dai ragazzi una scena che ha messo in risalto come la verità non appartenga in modo definito a nessun popolo. Durante la rappresentazione sono stati molti i momenti emozionanti, anche mediante la proiezione di un filmato, che hanno portato i presenti indietro nel tempo in quel periodo di sofferenza che tanto ha sconvolto l’umanità.

«Alla manifestazione – commenta l’assessore alla cultura Eleonora Sacconi – si è parlato di diversità, tolleranza, uguaglianza e dei vari punti di vista che si possono avere sul razzismo. Avere questa possibilità, ossia quella di esprimere il proprio modo di essere in modo libero, è una sensazione bellissima che purtroppo ancora oggi non tutti i popoli hanno. Solo attraverso la politica intesa sul più puro dei suoi significati, ossia prendersi cura dei cittadini e dei popoli, si possono raggiungere grandi risultati. Uno dei più importanti è la tolleranza.

In questi giorni della settimana contro il razzismo – conclude Sacconi – abbiamo avuto la possibilità di ascoltare le voci e i pensieri dei ragazzi. Voci che molto spesso, sbagliando, non vengono prese in considerazione, mentre invece è proprio dai ragazzi, che rappresentano il nostro futuro, che si dovrebbe prendere esempio per crescere a nostra volta».

«Spero che la serata di venerdì – aggiunge il sindaco Sergio Caci – e la messa in scena di quella splendida rappresentazione, permetta ai ragazzi di crescere all’insegna del sentimento dell’accoglienza vera e della vera tolleranza, in particolar modo la tolleranza delle idee altrui. Essa, farà sicuramente crescere il paese. Ringrazio il dirigente scolastico Grazia Olimpieri, la signora Cecilia Marinacci, i professori Alberto Puri, Massimo Pierozzi e Cristina Pollastrelli, gli studenti e Carlo Alberto Falzetti per aver collaborato e messo in scena una splendida manifestazione, utile a conoscere ciò che è stato e necessaria ad aprire la mente verso un mondo in cui quello che è accaduto non dovrà più ripetersi».

Dal 24 al 27 aprile 13 ragazzi delle terze medie di Montalto e Pescia andranno infine ad Auschwitz a visitare il campo di concentramento.

Il Comune di Montalto di Castro aderisce alla XI settimana d’azione contro il razzismo

Riceviamo e pubblichiamo

Il sindaco Sergio Caci con il Presidente del Consilgio Comunale Marco La MonicaIl Comune di Montalto di Castro ha aderito alla “XI Settimana d’azione contro il razzismo” (16-22 marzo) promossa dall’Unar e dall’Anci al fine di diffondere e accrescere una coscienza multietnica e multiculturale nell’opinione pubblica e, in particolare, fra i giovani. L’amministrazione ha esposto all’esterno del palazzo comunale la bandiera della Campagna nazionale: “Accendi la mente, spegni il pregiudizio” e, assieme all’Istituto Comprensivo statale, ha organizzato per venerdì 20 marzo alle ore 17, presso il complesso monumentale San Sisto, una evento dal titolo “A scuola di diversità – Io, la memoria storica e le differenze” a cui interverranno il sindaco Sergio Caci  e l’assessore alla cultura Eleonora Sacconi. L’evento sottolinea come la diversità rappresenti un valore traendo spunto, a partire dalla Seconda Guerra Mondiale, di quanto accaduto nei campi di concentramento di Auschwitz. Gli studenti della scuola secondaria di primo grado di Montalto e Pescia presenteranno, assieme ai loro insegnanti, uno spettacolo che sottolinea come il razzismo, rispetto al manifesto del 1938, sia stato superato dalle dichiarazioni di San Rossore del 2008.

Con una prossima delibera verrà inoltre intitolata una piazza a San Giovanni Paolo II, che durante il suo pontificato operò per la difesa della pace migliorando l’interazione tra i popoli.

L’Anci scrive a Renzi, il sindaco Caci: «I Comuni non sono la cassa del Governo»

Riceviamo e pubblichiamo

il sindaco Sergio CaciIl sindaco di Montalto di Castro Sergio Caci tra i firmatari della lettera dell’Anci al Presidente del Consiglio Matteo Renzi. «Ci rivolgiamo a Lei – si legge nel documento – per manifestare la grande preoccupazione nostra e dei sindaci italiani per alcune rilevanti criticità che investono la vita dei nostri Comuni». Queste le parole dei primi cittadini di molte località d’Italia che chiedono al Governo una maggiore flessibilità sulla contabilità degli enti locali.

“I comuni – commenta il sindaco Sergio Caci – hanno già contribuito molto all’economia del Paese, con oltre 20 miliardi di euro negli ultimi 5 anni. E’ arrivato il momento che si traduca in atto di legge l’intesa che almeno a parole l’Anci aveva avuto con il Governo. Stiamo infatti ancora aspettando il Fondo compensativo di 625 milioni riconosciuti come indispensabili nel 2014 a 1800 Comuni (pari a 30 milioni di abitanti) per evitare che gli stessi subissero una perdita di gettito nel passaggio dal regime IMU alle aliquote Tasi. L’armonizzazione del bilancio ha sicuramente dato agli enti locali una boccata d’ossigeno ma non basta. I comuni, vero volano da cui deve ripartire l’economia dell’Italia, non possono più essere la cassa del Governo, perché così facendo sono solo i cittadini a pagare il prezzo, troppo alto, della crisi di questo periodo”.

“Nella lettera – continua il primo cittadino di Montalto – come Anci chiediamo al Governo  di emanare un “decreto legge Enti locali“, che includa le misure normative, amministrative e finanziarie di immediata ed urgente applicazione, che consentano di ottemperare agli obblighi di legge ed istituzionali, e, sopratutto, alle nostre responsabilità verso i cittadini”.

“Invito  – conclude Caci – tutti i sindaci a sottoscrivere al più presto il documento che i coordinamenti regionali ci hanno inviato: ad oggi, purtroppo il Lazio e altre regioni del centro-sud non hanno adeguatamente risposto all’appello del Presidente dell’Anci. A tal proposito ringrazio Piero Fassino ed i Presidenti Regionali, per l’impegno che mettono ogni giorno nel cercare le soluzioni migliori per i nostri comuni”.

“A scuola di diversità” con gli studenti dell’Istituto Comprensivo di Montalto di Castro

manifesto A Scuola di diversitàIl Comune di Montalto di Castro e l’Istituto Comprensivo statale hanno organizzato, per venerdì 20 marzo alle ore 17, presso il complesso monumentale San Sisto, in appendice alla “Giornata della Memoria”, una iniziativa dal titolo “A scuola di diversità – Io, la memoria storica e le differenze” a cui interverranno il sindaco Sergio Caci  e l’assessore alla cultura Eleonora Sacconi. L’evento sottolinea come la diversità rappresenti un valore traendo spunto, a partire dalla Seconda Guerra Mondiale, di quanto accaduto nei campi di concentramento di Auschwitz.

Gli studenti della scuola secondaria di primo grado di Montalto e Pescia presenteranno, assieme ai loro insegnanti, uno spettacolo che sottolinea come il razzismo, rispetto al manifesto del 1938, sia stato superato dalle dichiarazioni di San Rossore del 2008. Carlo Alberto Falzetti parlerà del dramma della Shoah e successivamente gli studenti metteranno in risalto come il pregiudizio riesce a colpire anche noi italiani all’estero. Sarà poi illustrata dai ragazzi una scena che evidenzia come la verità non appartenga in modo definito a nessun popolo. Infine si tenterà di indicare una possibile soluzione all’intolleranza sociale. I professori Alberto Puri, Massimo Pierozzi, Cristina Pollastrelli interverranno nella regia, nella sceneggiatura e reciteranno insieme ai loro studenti.

Gli auguri dell’amministrazione di Montalto al Direttore Marittimo Giuseppe Tarzia

Riceviamo e pubblichiamo

Montalto di CastroL’amministrazione comunale di Montalto di Castro esprime le più vive congratulazioni al Direttore Marittimo del Lazio, C.A. (CP) Giuseppe Tarzia, promosso al grado di Contrammiraglio.

«Esprimo le mie personali congratulazioni al Direttore Marittimo Giuseppe Tarzia per la sua prestigiosa promozione – afferma il sindaco Sergio Caci -. Certo che continuerà ad arricchire con il proprio contributo l’attività di prevenzione e sicurezza che è chiamato a svolgere sul nostro territorio, a lui faccio i miei più sinceri auguri di buon lavoro».

Amleto di William Shakespeare in scena al Padovani di Montalto

Daniele PecciUn altro spettacolo da non perdere in programma al teatro Lea Padovani di Montalto di Castro. Sabato 21 marzo, alle ore 21, andrà in scena Amleto di William Shakespeare con Daniele Pecci e la regia di Filippo Gili. «Quando Daniele mi ha chiesto se volevo curare la regia di un ‘Amleto’ con lui protagonista – commenta il regista Filippo Gili – è stato come ritrovarsi un ombrello sotto la pioggia. Era quello che attendevo. Ed è quello che faremo. Mettere un ombrello sotto le infinite chance di una lettura di un testo infinito. Un ombrello che copra una sola parte di mondo, il palcoscenico della rappresentazione, ma spoglio di letture forzate, unicamente teso al gioco di analizzare perché, all’alba del ‘600, nacque un uomo che vide il mondo uscire dai suoi binari». Una produzione della Compagnia Stabile del Molise.

Biglietti
1° settore: intero € 20,00 ridotto € 17,00
2° settore: intero € 17,00 ridotto € 15,00

Info
teatro Lea Padovani 0766/870115
www.teatroleapadovani.it

Lo spettacolo sostituisce MODIGLIANI di Angelo Longoni previsto nella stessa data, la cui produzione è stata spostata alla prossima stagione come da comunicazione della BaoBei Produzioni.