Santa Marinella Film Festival, scatta il 26 luglio l’edizione 2015

Riceviamo e pubblichiamo

programmaDomenica 26 luglio alle 21,15 inaugurazione del santa marinella film festiva con la proiezione di Let’s go alla presenza della regista Anonietta De Lillo che discuterà del nostro cinema con Domenico Monetti e il pubblico del festival. Dal 26 luglio all’8 agosto tutte le sere, alle 21,15, ingresso libero, in Via della Conciliazione ospiti dell’Istituto Comprensivo di Santa Marinella

Bambini protagonisti in Mi chiamo Maya, La crudeltà del mare o in Ad esempio, con Vinicio Marchioni, il brivido del thriller in In the box e Non senza di me, gli straordinari personaggi femminili di Vergine giurata con Alba Rorhwacher, diBarbara ed io con Martina Colombari e di Vorrei che fosse notte, la leggerezza della commedia in Eppideis e Ci vorrebbe un miracolo con Elena di Cioccio, l’arte della truffa con Ultimo giro, grande protagonista Giorgio Colangeli. Sono solo alcune delle proposte del santa marinella film festival, voluto dall’amministrazione locale con l’intento di promuovere turismo e cultura.

Da undici anni il festival è dedicato ad opere prime come Leoni  del CSC Productione che, spesso, non hanno avuto dalla distribuzione nazionale lo spazio che avrebbero meritato. Il programma comprende dodici film e altrettanti cortometraggi, proiettati naturalmente all’aperto alla presenza di registi o interpeti, che permettono al pubblico la conoscenza o l’affermazioni degli autori rappresentativi del cinema di oggi e di domani. (vedi programma)

Tra i premiati delle più recenti edizioni Salvo di Piazza e Grassadona o Appartamento ad Atene di Dipaola e, tra gli interpreti, Claudio Santamaria, Lunetta Savino, Pippo Delbono, Elisabetta De Vito, Francesca Cuttica, Roberto Farnesi.

Ma il santa marinella film festival non si occupa solo del presente. Nel corso degli anni sono stati presentati film e documentari in omaggio a grandi del passato, come Camerini, Monicelli, Blasetti, Magni, libri dedicati tra gli altri i ad Amedeo Nazzari, Giulietta Masina,  Flavio Mogherini.

Quest’anno tra gli appuntamenti da non perdere ci sono gli omaggi:  il 2 agosto ad Ermanno Olmi con un documentario sul Regista Il sentimento della realtà (anteprima assoluta), di Sandro Lai e il suo Torneranno i prati e l’8 agosto, a Mario Camerini con la presentazioni di Parlami d’amore Mario (anteprima assoluta) di Vito Zagarrio.

Cinema: nemmeno Tarquinia resiste alla tentazione delle “Sfumature”

Cinquanta-Sfumature-di-Grigio-Poster-USA-021(s.t.) Il San Valentino 2015 a Tarquinia è stata una giornata particolare, vissuta tra l’elettricità dei Dear Jack e l’ulteriore invito a festeggiare garantito dal sabato. Ed in molte – soprattutto ragazze, ma non solo – hanno “speso” una parte della giornata al cinema, perché quello in corso è il primo weekend di programmazione della pellicola più attesa del momento: “50 sfumature di grigio”.

“In realtà non abbiamo in alcun modo legato la promozione del film a questa giornata particolare – spiega Gérome Bourdezeau, uno dei gestori del Cinema Etrusco di Tarquinia – ciò non toglie che l’affluenza sia stata notevolissima”. Dati alla mano, infatti, nei sin qui trascorsi tre giorni di programmazione – e il dato va riferito al tardo pomeriggio del sabato – sono state oltre 700 le presenze in sala per la pellicola ricavata dalla celebre serie di libri.

“Il dato davvero particolare – continua Bourdezeau – è che, da quando abbiamo attivato il sistema di prenotazione dei biglietti, mai si era verificata una prevendita così elevata: sono stati ben oltre i 200 gli ingressi acquistati su prenotazione. E molto è frutto di una campagna di marketing ben studiata: è da dicembre che on line si spinge per l’acquisto anticipato”.

IMG_1359Ma quanto, di questo successo, è frutto di promozione commerciale e quanto dell’effettiva forza del film? “Beh, c’è oggettivamente una forza predominate del marketing – spiega Gérome – oltre che la spinta del successo dei libri. Poi, in uscita, chi ha letto il libro è, come spesso accade, insoddisfatto dalla pellicola; e chi non l’ha letto ed è venuto per la curiosità legata all’aspetto erotico del film, resta deluso perché si aspettava chissà che scene!”.

Resta, comunque, la rinnovata capacità del Cinema Etrusco di attirare spettatori – “lo scorso anno – rivelano dalla biglietteria – nello stesso weekend, facemmo in sei giorni gli spettatori che quest’anno abbiamo fatto in tre” – che continua imperterrito a proporre ai tarquiniesi (e non solo) pellicole di qualità ed interesse. “Nelle prossime settimane – anticipa Bourdezeau – avremo un bel successo italiano “Noi e la Giulia”, con Luca Argentero e Claudio Amendola, in attesa del grande classico, il ritorno di “Cenerentola”, arricchiti da tanti effetti video. Ma se devo spendere un consiglio personale, dico “Kingsman”: soprattutto gli appassionati di spy movie usciranno dalla sala soddisfatti e divertiti”.

Cinema, premio David Giovani: Camilla Allegrini terza a livello regionale

Riceviamo e pubblichiamo

Ancora un successo per l’IIS Cardarelli di Tarquinia: Camilla Allegrini, del quinto anno del liceo classico, è giunta terza tra tutti gli studenti della Regione Lazio che hanno partecipato al Premio David Giovani e avrà l’opportunità di partecipare, nel mese di novembre, al Campus Cinema Scuola Giovani organizzato a Roma dall’Agiscuola. “È dal 1999 che nel David Giovani il nostro istituto raggiunge ottimi risultati. – commenta Maria Rita Giorgolo, coordinatrice del progetto –  I nostri ragazzi sono davvero bravi. Dopo 3 vittorie e un secondo posto, quest’anno la studentessa Camilla Allegrini, si è classificata terza tra tutti gli studenti della Regione Lazio che hanno presentato una recensione. Camilla ha recensito il film di Sergio Castellitto “Venuto al mondo” che, in qualità di coordinatrice, avevo inviato alla giuria dell’Agiscuola Nazionale”. Il premio, di importanza nazionale, viene assegnato ogni anno – nell’ambito del David di Donatello, l’Oscar italiano – a studenti che vengono selezionati sulla base di recensioni cinematografiche inviate dopo avere visionato, nelle sale aderenti, i film italiani della stagione.

“Siamo molto orgogliosi dei risultati dei nostri studenti che continuano ad ottenere grandi soddisfazioni dalla partecipazione a premi e concorsi”, afferma il dirigente scolastico Laura Piroli. “Per il Premio David Giovani in particolare – prosegue – faccio i miei complimenti a Camilla e ringrazio la professoressa Giorgolo che, ormai da anni, cura questo progetto fondamentale per incrementare nei giovani l’interesse verso la cultura cinematografica e i film d’autore. Gli studenti riescono ad apprezzare la vera bellezza e il fascino del grande schermo e a capire l’importanza culturale e sociale del cinema”.

Alessandro Tofanelli alla Galleria Comunale d’Arte Moderna di Cesena

Sabato 5 novembre alle ore 18.oo si aprirà alla Galleria d’Arte Moderna, Palazzo del Ridotto di Cesena l’esposizione dedicata ad Alessandro Tofanelli, uno dei maggiori artisti italiani contemporanei della figurazione paesaggistico-metafisica pittore, videodocumentarista, fotografo, sceneggiatore, regista, poeta della sua terra natale, la Versilia.

Si potranno osservare opere che identificano il linguaggio evolutivo dell’artista toscano, che negli anni è riuscito a rendere sempre più il suo paesaggio essenziale, metafisico dell’essere.

L’arte fluisce dal reale al vero possibile o pensato, in immagini che raccontano il vissuto e la storia, dove la fretta esistenziale del nostro tempo si mette in pausa, dove il silenzio e il senso dell’attesa sono palpabili, inducendo una profonda riflessione sull’esistenza umana.

Sapiente di una tecnica pittorica di raro spessore, espressa in mirabili intese di luce e colore, di ombra e chiaroscuro e in strutture compositive di encomiabile armonia di tagli prospettici e di coniugazioni figurali, l’artista scorre lo sguardo lungo “fotogrammi” consecutivi, compendiandoli in un unicum poetico stilato sulla solidità rassicurante di superfici quadrate singole o distese su calibrate progressioni areali.

Se alcuni elementi del quadro possono trovare riscontro nella realtà visibile, essi vengono comunque elaborati e coniugati dal pittore secondo l’intenzione espressiva del pensiero creante, giungendo ad affermazioni di nuove realtà che risultano ancor più convincenti di quelle percettibili, come scrive il critico Enzo Dall’ara nell’ introduzione del catalogo.

Alessandro Tofanelli cammina nei luoghi del grande Parco di Migliarino fin dalla nascita, sono la sua dimora, ne percorre i più reconditi anfratti, ne coglie i profumi, i colori, i suoni, i silenzi, facendoci entrare in un mondo di natura.

L’artista figlio del’900 e di tutto quel che del secolo breve si propaga in quello di oggi, percorre il proprio tempo in sintonia con una natura che non ha ricordi ma memoria.

A corredo della mostra, saranno proiettati, lunedì 7 novembre, al Centro Cinema San Biagio di Cesena, due suoi lavori cinematografici, un documentario naturalistico, ed un film, premio speciale della giuria al Festival Europacinema di Viareggio e al Festival Nice di New York e San Francisco.

breve bio: Alessandro Tofanelli nasce a Viareggio nel 1959. Dopo il diploma all’Istituto d’arte di Lucca, si trasferisce a Milano per frequentare l’Accademia di Belle Arti di Brera, collaborando nel frattempo come illustratore per diverse riviste edite da Rizzoli e Mondatori.     Nel 1973 ottiene due, delle quattro borse di studio offerte dalla Banca Mercantile per l’Università Internazionale dell’Arte.

Nel 1975 si classifica primo al premio “La Resistenza”, (il dipinto si trova presso la Galleria d’Arte Moderna di Lucca) e primo classificato al concorso internazionale “INA -Touring” a Palazzo Strozzi di Firenze. È il vincitore del premio “Giotto d’Oro” dell’84, e del premio “Under 35″ a Bologna nell’87, cui seguono il premio “Onda Verde” a Firenze e il premio internazionale “Ibla Mediterraneo”.

Fin dall’inizio Alessandro Tofanelli è seguito da importanti critici italiani come Micieli, Cobolli Gigli, Paloscia, Patani e Raggianti che lo esortano nella ricerca intrapresa, ma il primo ad essergli vicino è stato sicuramente Omero Biagioni, piccolo gallerista toscano, che in piena stagione di Transavanguardia, scopri e sostenne il giovane pittore della poesia dell’immagine.

Tofanelli ha sempre abbinato all’attività pittorica quella di fotografo e video-documentarista professionista.     Numerosi sono i suoi video scientifico-naturalistici trasmessi sulle reti Rai in trasmissioni come “Geo”, “Onda Verde”, mentre i suoi lavori fotografici sono stati pubblicati all’interno di riviste specializzate. Nel 2005 è uscito il suo primo lungometraggio come regista, “Contronatura”, che ha vinto il Premio speciale della giuria al Festival di Viareggio Europacinema nello stesso anno, e il Festival Nice di New York e San Francisco del 2005-2006.

Cin’è Musica Concerto: parte la seconda edizione

Seconda edizione di “Cin’è musica concerto”, incontri della domenica pomeriggio, dal 2 ottobre al 27 novembre, con concerti e film musicali nella sala Consiliare del Comune di Tarquinia. La stessa formula della prima riuscita edizione (da una idea di Dino Alfieri, Piero Nussio, Pino Moroni), patrocinata dall’Assessorato alla Cultura, all’interno della manifestazione “Tarquinia a porte aperte”.

La prima parte, relativa al mese di ottobre, inizia domenica 2 ottobre, alle ore 18,00 con un concerto-evento: “De brevitate vitae”, una cantata profana su testi di Seneca, elaborati da Elena Alfieri e Pietro Pacini, su musiche di Luigi Tenco, Giorgio Gaber, Francesco De Gregori, Gino Paoli, Sergio Cammariere e Ivano Fossati.

Una rappresentazione teatrale, un recital sullo scorrere del tempo, nel tentativo artistico di coniugare testi attualizzati di Seneca e canzoni di autori italiani che parlano del tempo, interpretati da Elena Alfieri, Fabio Biagiola, Lina Deriu, Enzo Scamponi (voci), Pietro Pacini (piano), Angelo Rosati (chitarre), Fabio Caponi (contrabbasso). Con due personaggi interpreti, un uomo e una donna che rappresentano due opposti che si affrontano e si confrontano sulle fasi scandite dal tempo: il presente breve, il futuro incerto, il passato sicuro.

A seguire un ricco programma di concerti eseguiti da professionisti ed appassionati di generi vari ed in particolare da giovani affermati ed ottime promesse, accompagnati ognuno da film musicali dello stesso genere.

A cominciare da domenica 9 ottobre, alle ore 16,30, con “La lirica e l’Aida”.

Un concerto verdiano con la soprano Francesca Tiddi (allieva della entusiasta concittadina la ‘maestra’ Teresa Rocchino), il tenore Ugo Tarquini, il pianista Massimiliano Franchina, tutti diplomati al Conservatorio di Frosinone. Francesca Tiddi si esibisce in prestigiosi palchi internazionali a fianco di realtà orchestrali come quelle del Petruzzelli di Bari o dell’Arena di Verona, con Direttori del calibro di Marcello Rota. Dal 12 ottobre inizierà una tournée in Europa con un ricco repertorio lirico.

Il film abbinato è una versione cinematografica degli anni ’50 dell’opera di Verdi, l’ “Aida”. Quando nel cinema italiano si utilizzavano attori  (una giovane Sofia Loren, bellissima e nera), per doppiarli con cantanti di opera lirica (Renata Tebaldi allora incontrastata regina della lirica), dentro una storia esotica di guerra e d’amore tra condottieri Egiziani vincitori e principesse Etiopi vinte.

Domenica 16 ottobre , alle ore 16,30, “La chitarra sudamericana ed Orfeo Negro”.

Un concerto di musiche brasiliane per chitarra sola di Luca Angelini.

Diplomato al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, virtuoso della chitarra classica, apprezzato concertista e vincitore di parecchi Festival internazionali, partecipante anche a numerosi Masterclass in chitarra classica.

Il film abbinato è un film franco-brasiliano di Marcel Camus, con una storia d’amore e di morte di Vinicius De Moraes, ispirata alla tragedia greca ‘Orfeo ed Euridice’, ambientata, con molto colore, in tutti i sensi, nel carnevale di Rio. Un neorealismo esotico latino-americano, popolare e raffinato, con le travolgenti ed ormai classiche musiche di Carlos Jobin, Luiz Bonfà e dello stesso Vinicius De Moraes. Oscar per il miglior film straniero e Palma d’oro a Cannes.

Domenica 23 ottobre, alle ore 16,30 “The Band e Prova d’orchestra”.

Un concerto della Magic Wind Orchestra di Tarquinia, composta di 20 elementi dell’ Associazione musicale “Giacomo Setaccioli”, che vuole andare oltre il repertorio, nell’esecuzione di brani che spaziano dalla musica più orecchiabile fino a raggiungere i virtuosismi tecnici dello swing e del jazz. Sempre pronti a contribuire a serate di enti pubblici e privati con musica di qualità.

Il film abbinato è il felliniano “Prova d’orchestra”, con la storia minima sulla crisi delle prove di un orchestra, che rasenta l’anarchia. Allegoria della società italiana, pieno di felici caratterizzazioni alla Fellini. Con le ultime eccezionali musiche, composte per un film, di Nino Rota.

Domenica 30 ottobre, alle ore 16,30 “Jazz anni 30/40 e Venere e il professore”.

Un concerto jazz con Marta Capponi (voce) e Francesco Di Giulio (piano).

Marta Capponi una voce nuova che si affaccia nel mondo del jazz, ha già collaborato con grandi musicisti italiani ed internazionali. Con un repertorio che richiama le grandi atmosfere delle voci del jazz, rivisitate in un sound energico e vibrante. Ha partecipato ultimamente, con un quartetto all’Umbria Jazz, con i Tribunal Mist Jazz Band al Festival di Spoleto e con un sestetto alla rassegna Jammin’2011, organizzata dalla St. Louis College Music, all’Auditorium del Parco della Musica.

Il film abbinato è “Venere e il professore”, del grande regista americano Howard Hawks. Nel quale, oltre la bravura e simpatia di Danny Kaye, si può ascoltare il grande jazz di Louis Amstrong, Charley Barnet, Lionel Hampton, Tommy Dorsey e Benny Goodman, anche nel ruolo inedito di un professore.

La rassegna continua con concerti e film in tutto il mese di novembre 2011.

Premio Hadrianus: a Tarquinia trionfa Maurizio De Giovanni

È Maurizio De Giovanni, con il suo Il giorno dei morti, il trionfatore della prima edizione del Premio Hadrianus, promosso dall’Università Agraria di Tarquinia e riservato alle opere di letteratura gialla e noir di recente pubblicazione.

L’autore napoletano, infatti, nel corso della cerimonia finale di sabato 24 settembre – svoltasi nella solenne cornice della Sala Consigliare del Comune di Tarquinia – s’è visto consegnare sia il primo premio della Giuria tecnica che quello della valutazione popolare, ottenendo un generale consenso e stregando pubblico e lettori tarquinesi. Una soddisfazione, la sua, condivisa con la casa editrice Fandango Libri, brava nell’investire sul talento del creatore del Commissario Ricciardi, protagonista del ciclo di romanzi ambientati a Napoli.

Un plebiscito, per De Giovanni, che l’ha spuntata su un altro grande protagonista del Premio, Amara Lakhous, che ha meritato il secondo posto nonché la segnalazione per il romanzo più adatto alla trasposizione cinematografica con Divorzio all’islamica a Viale Marconi, edito da e/o. Terzo classificato Marco Malvaldi, con Odore di chiuso, edito da Sellerio.

Continue reading “Premio Hadrianus: a Tarquinia trionfa Maurizio De Giovanni” »

Al Sinergy Art Studio, via alla rassegna Tutto Woody Allen

Riceviamo e pubblichiamo

E’ con piacere informarvi che a partire dal Mercoledì 14 settembre alle ore 22.30, prenderà il via, alla Sinergy Art Studio, la Rassegna Cinematografica TUTTO WOODY ALLEN – parte prima, con la proiezione e il dibattito del film MANHATTAN (1979).

La rassegna sarà composta da 23 incontri settimanali aperti da un aperitivo offerto dalla Cantina Vitivinicola Colle Picchioni e seguiti dal dibattito sulla pellicola e sull’attività del cineasta.

Ingresso: Euro: 3,00 (+ tessera associativa annuale Euro 2,00).

Consigliata la prenotazione.

In allegato il programma dell’intera rassegna.

Info:

Sinergy Art Studio

Via di Porta Labicana, 27

tel. 06.89538915 – 328.7133184

Facebook: Sinergy Art