Walter Veltroni a sostegno del candidato a sindaco Mazzola

Riceviamo e pubblichiamo

Nuovo prestigioso appuntamento della campagna elettorale del candidato a sindaco Mauro Mazzola. Venerdì 13 aprile sarà a Tarquinia l’on. Walter Veltroni. L’ex sindaco di Roma arriverà a piazza Cavour alle ore 16.45. «Ho già avuto modo di conoscerlo e apprezzarlo, in occasione della presentazione del libro Noi. – dichiara Mazzola – Sarà un onore poterlo ospitare nella nostra città ancora una volta». L’on. Veltroni, dopo una breve visita al centro storico, incontrerà nella sede del comitato elettorale (in via Giuseppe Garibaldi n. 39) i cittadini e la stampa locale. Saranno affrontati molti temi di grande attualità, tra cui quelli ambientali: su tutti il grave problema della nuova discarica di Roma che dovrà sostituire quella di Malagrotta. All’evento parteciperà anche il consigliere regionale del Partito Democratico Giuseppe Parroncini. «Diciamo no a una discarica ad Allumiere. – conclude il candidato a sindaco – Se si vuole affrontare e risolvere il problema dei rifiuti, è indispensabile potenziare la raccolta differenziata. Una strada già intrapresa da Tarquinia, dove abbiamo raggiunto la quota del 50%».

Sabato e domenica a Semi di Pace il meeting internazionale del Servizio Aquiloni

Riceviamo e pubblichiamo

Semi di Pace International presenta il suo V° appuntamento con il Meeting Internazionale del Servizio Aquiloni “ Sogni di speranza per i bambini del mondo”.

L’evento avrà luogo nella sede centrale di Tarquinia, in via Umberto I°, 42, sabato 14 aprile dalle  9,30  alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,30 e domenica 15 aprile dalle 9,30 alle ore 13,00.

Il Meeting  costituisce da anni un forum di lavoro  in cui si rivisitano strategie di promozione del SAD (Sostegno a distanza dei bambini) e si elaborano linee di  programmazione comuni di attività future. Allo stesso tempo è un’occasione per creare, tra i coordinatori dei servizi aquilone, un confronto costruttivo, sia a livello nazionale che internazionale. Un Servizio Aquilone è parte integrante di una rete di promozione del Sostegno a distanza dei bambini e si identifica nel ruolo attivo di una persona che sceglie volontariamente di creare, tramite il sostegno a distanza, un ponte di solidarietà a favore dei bambini che sono inseriti all’interno dei progetti internazionali promossi dall’Associazione.

Graditissima, come sempre, è la presenza della Direttrice della delegazione spagnola, Pepita Gomez, che illustrerà  l’evoluzione dell’attività di Semillas de Paz in Spagna. Non mancheranno, inoltre, collegamenti telefonici con alcuni volontari che stanno operando all’estero e aggiornamenti sul numero crescente dei viaggi solidali richiesti che costituiscono opportunità uniche di fare esperienze di volontariato in ambito internazionale.

Un particolare spazio sarà riservato alla presentazione degli sviluppi del progetto Luce, nato in  Burundi per contrastare il progredire della cecità nei bambini e nelle persone adulte, per consentire la misurazione gratuita della vista e la correzione della stessa con occhiali. A breve si attuerà il progetto anche nella Repubblica Democratica del Congo con l’allestimento di una nuova sala operatoria presso l’ospedale di Txingudi a Masi Maninba.

Nuovo risalto sarà dato anche alla progettazione sociale e alla progettazione europea che Semi di Pace intende sviluppare quali strumenti per raggiungere in maniera coerente ed efficace il soddisfacimento dei bisogni delle realtà sociali. Sempre di più la qualità dei servizi di una realtà associativa è connessa alla capacità di gestire complessi processi di progettazione e valutazione.

Ci aspetta dunque un appuntamento ricco di temi rilevanti da presentare ad un pubblico, ci auspichiamo, sempre più numeroso e motivato alla condivisione.

Spazio Aperto: venerdì incontro tematico sull’agricoltura

Riceviamo e pubblichiamo

La lista “Spazio Aperto”, giunta al terzo incontro tematico dopo quelli sulla legalità e sui “Comuni Virtuosi”, questa volta propone alla cittadinanza un momento di riflessione sull’ Agricoltura nelle sue molteplici forme; l’incontro si svolgerà venerdì 13 aprile alle ore 16.00, presso la sala conferenze di “Semi di Pace” nel monastero delle Benedettine.

L’agricoltura convenzionale è in crisi: i suoi costi di produzione sono troppo alti di fronte alla concorrenza dei prodotti esteri. L’agricoltura biologica, invece, è una realtà in espansione, ce lo confermerà il primo ospite, Andrea Ferrante, Presidente dell’Associazione Italiana Agricoltura Biologica. Un numero crescente di consumatori richiede prodotti senza residui di fitofarmaci o concimi chimici di sintesi, e metodi di coltivazione che siano rispettosi dell’ambiente.

Il dottore agrario Fabio Pinzi, insegnante dell’Accademia Italiana di Permacultura (da cultura permanente), ci parlerà di questo nuovo modello di agricoltura che consiste, appunto, nel creare ecosistemi produttivi che imitano gli ecosistemi naturali  nella loro diversità, stabilità e flessibilità e sono in grado di automantenersi e rinnovarsi nel tempo, con un basso input di energia.

Filiberto Zaratti, ex assessore all’Ambiente ed attuale consigliere della regione Lazio ci parlerà quindi dell’impatto che l’agricoltura ha sull’ambiente.

Gli incontri tematici promossi da “Spazio Aperto” si concluderanno, il 24 aprile, con l’intervento di Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana ed esperto di cambiamenti climatici.

Alfio Meraviglia presenta il suo programma

Riceviamo e pubblichiamo

“Sviluppo, Agricoltura, Lido, Turismo e Occupazione. E’ questo il SALTO nel futuro che proponiamo per la nostra città e per il futuro di tutti i cittadini.” Alfio Meraviglia, candidato alla carica di Sindaco con l’appoggio dell’UDC, del PDL, della lista “MPA-Tarquinia vola” e “Tarquinia Terzo Polo” svela le linee programmatiche della sua coalizione. “La politica è fatta di cose concrete; le offese gratuite, l’invettiva ed il clima da stadio lo lasceremo a qualcun altro. Io in meno di due anni da consigliere provinciale, lavorando ogni giorno per la mia città, ho sempre portato rispetto per le idee altrui e continuerò a farlo anche in questa campagna elettorale. La gazzarra è sinonimo di paura e di nervosismo: noi andremo avanti spiegando alla gente punto per punto cosa intendiamo fare. L’unica vera alternativa ad una politica di palazzo fatta di presunti clientelarismi, di accentramento e di arroganza è questa coalizione che ho l’onore di guidare. Uniti e compatti siamo pronti a proiettare Tarquinia al passo della altre eccellenze turistiche italiane. La semplice amministrazione giornaliera non basta più. In un’epoca di crisi economica profonda che colpisce le fasce più deboli e i settori trainanti della nostra economia locale ed in un periodo di tagli alle risorse bisogna avere le idee chiare. E noi sappiamo che abbiamo un mandato improrogabile. Dobbiamo agire secondo un progetto concreto con un preciso obiettivo: perseguire uno sviluppo durevole ed assicurare una prosperità di lungo periodo per Tarquinia per rilanciare la crescita, lo sviluppo, la speranza ed in particolar modo l’occupazione. Nel far questo intendiamo rispettare i valori forti e le priorità che reggono la nostra società civile. I principi del dialogo e della solidarietà, la tutela della famiglia, le nostre radici cristiane, il rispetto delle regole e della legalità, la tutela della salute e dell’ambiente, il sostegno alla cultura ed allo sport come fattori di crescita personale, la partecipazione dei cittadini alle decisioni della politica, la tutela dei più deboli e bisognosi accompagneranno ogni nostra decisione. I nostri sono progetti innovativi, seri, condivisi e concretamente attuabili. Giorno dopo giorno spiegheremo ai cittadini punto per punto quello che intendiamo fare: non opere inutili ma una progettualità che farà recuperare a Tarquinia il tempo inutilmente perduto”.

D’Alema a Tarquinia per sostenere Mazzola: “No alla dispersione del voto”

Centralità del ruolo dei partiti, perplessità sulla cosiddetta antipolitica, invito alla non dispersione del voto in vista delle prossime tornate elettorali: parla per circa quaranta minuti Massimo D’Alema, in visita a Tarquinia per sostenere la campagna elettorale del candidato sindaco Mauro Mazzola, e lo fa toccando solo in alcuni momenti temi locali, spaziando dalla crisi dei partiti alle speranze di una riaffermazione della Sinistra in Europa.

Il presidente del Copasir – accompagnato da Ugo Sposetti e Giuseppe Parroncini – ha salutato e offerto il proprio appoggio sia al primo cittadino di Tarquinia che a Paola Peruzzi, candidata a Montalto di Castro per dare continuità ai dieci anni di amministrazione Carai.

Di rilevante, in ambito tarquiniese, le dichiarazioni relative allo “spauracchio” della discarica ad Allumiere – “il Partito Democratico è contrario a questa scelta non è questione che mi competa ma, per quanto so e mi auguro, credo si farà altrove” – e sulle servitù energetiche, in merito alle quali ha sollevato il paragone con la realtà di Taranto e ribadito il ruolo di una grande struttura partitica come garanzia nel confronto con grandi realtà industriali come l’Enel.

L’intervento è ascoltabile, in maniera pressoché integrale, nei video.

Immagine anteprima YouTube

Immagine anteprima YouTube

JUNIORES: Canale Monterano 1 – Corneto 0

di Leo Abbate

Si può perdere senza particolari demeriti e uscir dal campo sereni, anche se dispiaciuti per l’opportunità di giocare i Play off oramai sfumata. Succede un po’ di tutto a Canale e bisogna partire dalle cose più clamorose; dovete sapere che un dirigente della Corneto, finirà sul guinness dei primati per esser stato espulso per… emorroidi!

Non citiamo il nome per riguardo al suo drammatico stato di salute che merita tatto, rispetto, riservatezza  e comprensione,  ma il fatto è che il direttore di gara, gli si avvicina e lo apostrofa con una perentoria intimazione: “Si sieda!” E lui: “Signore non posso star seduto per tanto tempo, ho le emorroidi!”

“Allora vada fuori”. Non vi sono precedenti, ho fatto accurate ricerche. Chi lo avrebbe mai detto che si può finire nelle statistiche dei primati per un fastidioso quanto intimo disturbo! Ma è la dura legge dello sport, bisogna accettarla.

Andiamo per ordine. La partita comincia con la Corneto padrona del campo, ma anche nervosa. Forieri parla troppo e si becca un’ammonizione dopo cinque minuti. Subito dopo il Direttore di  gara va da Bonelli e gli intima di sostituirlo “Se no lo butto fuori”; il Mister gli fa osservare che le sostituzioni le decide lui, se non dispiace e dopo altri due minuti esatti, Forieri che evidentemente non ha capito l’antifona, viene espulso per doppia ammonizione. Siamo al settimo minuto del primo tempo ed i ragazzi rimasti in dieci continuano a giocare con determinazione.

Sfiorano il vantaggio in tre occasioni con Arcorace (migliore in campo), e con Sabbatini. Nel frattempo, il Direttore di gara, che non vede i falli che gli etruschi subiscono a palla lontana, vede il Mister che confabula con la sua panchina e lo espelle, poi espelle un altro dirigente, sospettando che anche egli sia affetto da emorroidi  e Iacomino che stava anche lui in panchina e che aveva cercato di spiegare al direttore che le emorroidi non sono contagiose. La panchina rimane deserta.

Nel secondo tempo, viene sbattuto fuori anche Ventolini, per somma di ammonizioni. Il Canale su calcio da fermo deviato in rete da Michelangeli passa in vantaggio.

La Corneto rimasta in nove, non rinuncia alla gioia di combattere e rende orgogliosi i suoi avi fino all’ultimo. Al fischio finale il guardalinee che non riusciva a trattenere l’ilarità viene beccato a ridere e finisce anche lui sul referto arbitrale.

Cosa non va ancora bene? Ci vuole un po’ di furbizia, bisogna sapersi adattare con duttilità alle circostanze e alle persone con le quali si deve convivere, sia pure nel breve  spazio di 90 minuti più recupero, con la consapevolezza che il mondo è questo. Forse in futuro, insieme ad una ferrea preparazione atletica, bisognerà munire i ragazzi di una ferrea preparazione….filosofica, affinché imparino a riconoscere debolezze e parossismi isterici di vanità infantili, piccole e livide di frustrazione. Del resto secondo la più recente definizione, l’intelligenza è la capacità di sapersi adeguare alle situazioni.

Bene così; nonostante tutto, onore e valore sono ancora le insegne della Corneto Juniores e talvolta perfino le emorroidi possono diventare… un blasone!