Guardia Costiera: domani s’inaugura lo sportello invernale

Apre domani mattina lo sportello invernale della Guardia Costiera. Il comandante Lamberto Alessandro spiega nel dettaglio i compiti e le motivazioni che hanno spinto la Capitaneria di Porto e l’amministrazione comunale a proseguire l’iniziativa, unica nel suo genere in Italia, già portata avanti con profitto lo scorso inverno. Il maresciallo spiega come con il tempo la Guardia Costiera si sia fatta conoscere ed apprezzare anche grazie alla collaborazione trovata con il Sindaco Mazzola e l’attuale assessore al Lido Renato Bacciardi.

“Il Comando della Guardia Costiera di Tarquinia, Ufficio dipendente dalla Capitaneria di Porto di Civitavecchia, è stato attivato ufficialmente dal mese di giugno 2007 a seguito di richiesta dell’Amministrazione Locale.  – spiega Alessandro – Il periodo, fino ad oggi, è stato caratterizzato da una prima breve e naturale fase di organizzazione seguita da una salda sinergia ed un ottimo e corretto rapporto tra le Amministrazioni che hanno riscontrato proficui risultati e apprezzamenti generali”.

“Il Comune di Tarquinia – sottolinea il comandante – nell’interesse legittimo di avere in casa la disponibilità stabile della Guardia Costiera, ha sostenuto l’iniziativa mettendo a disposizione basi logistiche e copertura delle relative spese, affrontando impegni economici per favorire l’incremento del personale militare durante la stagione estiva, fornendo il supporto uomini e mezzi delle Protezioni Civili Locali ed Associazioni di volontariato nonché contribuendo con ogni possibile mezzo disponibile. Lo sforzo che l’Amministrazione Locale ha affrontato è stato valorizzato con l’impegno della Guardia Costiera che nel corso di questi anni con altrettanta disponibilità ha cercato di dare il massimo impegnandosi a soddisfare e condividere le esigenze del Comune di Tarquinia nell’interesse pubblico sopratutto per la sicurezza dei bagnanti e salvaguardia dell’ambiente.”  Nella fattispecie, tra le varie iniziative, è stata attivato, per un breve periodo già sperimentato nello scorso anno,  uno sportello invernale presso la sede del Comune con l’obbiettivo di disporre agevolmente dei servizi della Guardia Costiera attraverso la disponibilità del Comune e rafforzare l’alleanza tra le due Amministrazioni.

“Il primo risultato è oggettivamente la positiva immagine di un servizio pubblico esclusivo a costo zero – spiega Alessandro – Lo sportello invernale sarà aperto dalle ore 10,00 alle 13,00 nei giorni di martedì e giovedì presso la sede del comune di Tarquinia dove indicativamente sarà possibile ottenere i seguenti servizi: informazioni generali sui servizi d’istituto; informazioni generali propedeutiche all’avvento della stagione balneare; informazioni relative alle procedure da adottare in caso di emergenze in mare – 1530; rilascio dei tesserini per la pesca sportiva; informazioni per i giovani intenzionati a prestare servizio militare; informazioni sulle ordinanze balneari in vigore; informazioni balneari specifiche riferite a domande frequenti legate all’uso delle spiagge, uso corretto delle spiagge  per animali, attività dei Kit Surf, attività moto d’acqua, transito poligono di Pian di Spille, attività di pesca sportiva sulla spiaggia e negli specchi acquei durante l’estate ecc.;  informazioni istituzionali specifiche che frequentemente vengono richieste: iscrizione gente di mare, rilascio patente nautica, dotazioni di sicurezza unità diporto, iscrizione registro pescatori ecc.; acquisizione segnalazioni presunte  attività non consentite; acquisizione notizie o suggerimenti da mettere a disposizione degli uffici competenti; tutte le altre informazioni e servizi possibili.”

Il comando di Tarquinia, dunque, seguendo le linee guide emanate dal comando generale delle Capitanerie di Porto, che incentivano la collaborazione con gli enti pubblici e la disponibilità verso l’utenza, di comune accordo con la Capitaneria di Porto di Civitavecchia e con l’amministrazione comunale, aprirà lo sportello per rafforzare quel filo diretto con tutti i cittadini. Rimarrà sempre aperta e permanentemente operativa la sede a Tarquinia Lido.

Lettere al Direttore – Cristo Risorto: “Perchè non pensare a delle selezioni per i portatori?”

Riceviamo e pubblichiamo

Egregio Direttore,
Le scrivo perché il clima carnevalesco e il conseguente avvicinarsi delle festività pasquali mi hanno riportato in mente alcuni pensieri maturati, lo scorso anno, proprio la Domenica di Pasqua.

Tornando a casa, dopo la Processione, e nei giorni successivi, ho sentito tanti tarquiniesi lamentarsi della stessa cosa: la Statua del Cristo Risorto non “balla” come dovrebbe! E, devo dire, la critica mi trovava e mi trova tutt’ora del tutto d’accordo.

E siccome queste voci poco lusinghiere sull’avanzare del nostro Cristo Risorto le sento, puntualmente, ogni anno, con i più anziani che ricordano con nostalgia i bei tempi andati (e le spalle forti di allora), Le chiedo cortesemente di voler ospitare su L’extra una mia provocazione: perché anche a Tarquinia non abbandoniamo la tradizione dell’ereditarietà per i portatori, e introduciamo delle selezioni?

Oltre a essere un sistema più “democratico”, darebbe anche la garanzia di portatori perfettamente in forma e, forse, anche di un Cristo che molleggerebbe perfettamente tra le migliaia di teste che lo attendono, applaudono e pregano.

Spero vorrà pubblicare queste mie righe: sarei davvero curioso di sapere cosa ne pensano i tarquiniesi. Cordiali saluti

Lettera firmata

Le comunali a Montalto: lettera ai cittadini del candidato sindaco Umberto Tardioli

Riceviamo e pubblichiamo

Care Concittadine, Cari Concittadini,
come molti di voi, io amo profondamente il mio paese. Sono orgoglioso di poter vivere quotidianamente una terra ricca di bellezza e storia, ed allo stesso modo, sono orgoglioso di far parte di una collettività generosa e tenace.

Una realtà viva che ha risorse umane e naturali ineguagliabili, capace di grandi slanci solidali ed ospitale nei confronti delle persone che nel corso degli anni hanno affermato con il lavoro la propria dignità.

Tuttavia anni di pessimo governo del paese, di grossolani errori ed occasioni mancate ci consegnano ad una palude di poca ricchezza ed ancor meno lavoro, ad una deriva di progressivo impoverimento contro il quale è giunto per tutti il momento di reagire, alzare la testa e trovare un riscatto comune.

Abbiamo una grande occasione e non possiamo perderla.

Le elezioni amministrative possono diventare, ben oltre il loro significato politico, un momento di svolta in termini culturali, sociali ed economici.

Bisogna in quel contesto riaffermare l’etica e la correttezza della gestione amministrativa come garanzia per ogni singolo cittadino, rendere trasparente e partecipato il meccanismo che porta alle scelte che interessano il paese.

Bisogna studiare e realizzare un piano di sviluppo compatibile con il fascino dei nostri luoghi, puntando sull’efficacia di investimenti mirati e tesi ad un occupazione stabile e di qualità.

Bisogna investire sulle potenzialità di Pescia Romana, su un suo protagonismo e una sua autonoma capacità di liberare una crescita armonica per tutto il territorio comunale.

Bisogna ricondurre ad un unico progetto condiviso la costellazione di energie vive e giovani presenti sul territorio, in modo che nei prossimi cinque anni si formi e si cementi una nuova classe dirigente capace di dar lustro al nostro paese.

Per queste ragioni ho accettato l’invito a candidarmi a Sindaco di Montalto di Castro rivoltomi dai gruppi civici quali Alternativa Democratica, Rinnovamento per Pescia e Cittadini Uniti e da numerosi altri cittadini a livello individuale.

Per gli stessi motivi cercherò con umile determinazione di allargare il campo delle nostre forze, riconoscendo il valore di quelle realtà che in questi anni hanno lavorato con noi alla costruzione di un alternativa.

E sarò, con l’aiuto di tutti, portavoce ed esecutore di una speranza collettiva di cambiamento, di crescita, di futuro.

Voltiamo pagina.

Umberto Tardioli

La Zona Olimpica Atletica Viterbo ai vertici Regionali nelle Categorie giovanili

Sono state rese pubbliche ieri dal Comitato regionale della FIDAL Lazio, le classifiche finali di società del settore promozionale (Esordienti, Ragazzi e Cadetti) della stagione agonistica 2011.

La classifica sommava i risultati di squadra ottenuti in ben 10 prove di vario genere, che si sono svolte nel corso dell’anno e che quest’anno hanno visto una partecipazione straordinaria di giovanissimi atleti di tutta la regione, con più di 90 formazioni maschili e femminili impegnate nelle varie gare indoor ed outdoor in programma.

Buoni i risultati ottenuti dalla Zona Olimpica Atletica Viterbo (lo scorso anno la società viterbese si presentava con denominazione Finass Atletica Viterbo), che pur non avendo partecipato con i suoi giovani a numerose prove in programma, ottiene con il settore femminile il 9° posto in classifica generale (premiate le prime 12 squadre) e con il settore maschile il 14° posto, sfiorando per 3 punti il 12° posto. Artefici del risultato femminile la squadra Ragazze che ha ottenuto nei Campionati di Società su Pista un brillantissimo 3° posto assoluto e la squadra di Marcia Ragazze e Cadette che si è classificata al 2° posto nel Trofeo Regionale di Marcia “Fulvio Villa”con le ottime prestazioni ottenute da Delia Pala, Maria Vagnoni e Gina Pascal. Nel settore maschile da sottolineare il clamoroso 1° posto nei Campionati Regionali di prove Multiple con le ottime performance di Ludwig Schertel, Jacopo Poleggi e Nikolas Ricci, ed il 3° posto nei Campionati di Società nella categoria Ragazzi.

Unitus: al via corso di giardinaggio mediterraneo

“Nel giardinaggio c’è qualcosa di simile alla presunzione e al  piacere della creazione: si può plasmare un pezzetto di terra come si vuole, per l’estate ci si può procurare i frutti, i colori e i profumi che si preferiscono. Si può trasformare una piccola aiola, un paio di metri quadrati di nuda terra, in un mare di colori, in una delizia per gli occhi, in un angolo di paradiso” così descriveva la passione per il giardinaggio lo scrittore tedesco Hermann Hesse (1877/1962) ne “In giardino”. Quella del giardinaggio è un’arte millenaria che accomuna appassionati in ogni angolo del mondo. Proprio al fine di potersi avvicinare ulteriormente a questa attività è stata organizzata la XV edizione del “Corso di giardinaggio mediterraneo”. “Arte, progettazione e gestione frutteto e giardino” è il titolo del corso organizzato dal Dipartimento di scienze e tecnologie per l’Agricoltura, le Foreste, la Natura e l’Energia (DAFNE) dell’Università degli Studi della Tuscia. Saranno dodici gli appuntamenti del corso del 2011 di Giardinaggio Mediterraneo che si articoleranno su quattro mesi, dal 24 febbraio al 25 maggio. Un’occasione utile per avvicinarsi al mondo del giardinaggio mediterraneo sia per gli studenti, che potranno frequentare il corso gratuitamente, sia per tutti gli interessati, che verseranno una quota di partecipazione di 200 euro (110 euro per i vivaisti professionisti). Agli incontri parteciperanno docenti della facoltà di Agraria ed esperti del settore interverranno su tematiche diverse ed interessanti. Lezioni in aula si affiancheranno a dimostrazioni nei vivai e visite in luoghi d’interesse. Gli incontri si svolgeranno sempre di venerdì, alle 14,30, nell’aula Blu della facoltà di Agraria. Il via ufficiale è previsto per venerdì 24 febbraio ore 14.30  introduzione del corso a cura di Leonardo Varvaro, direttore del DAFNE; di Olindo Temperini, docente responsabile del Corso e di Sofia Varoli Piazza. Ecco il programma completo.

DATA RELATORE ARGOMENTO
Venerdì 24 febbraio Sofia Varoli Piazza Ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare
Venerdì 2 marzo Renato Pavia Potatura e allevamento dei fruttiferi
Venerdì 9 marzo Paolo Camilletti L’orto-frutteto in Europa tra progetto e gestione
Venerdì 16 marzo Sofia Varoli Piazza Alberi da frutto nel giardino contemporaneo
Venerdì 23 marzo Enrico Scarici Conservazione delle piante
Venerdì 30 marzo Cristina Bignami Frutti antichi
Venerdì 13 aprile Piero Santelli L’irrigazione del giardino mediterraneo: strategie progettuali e gestionali
Venerdì 20 aprile Personale Vivai Michelini Gli agrumi nel giardino
Venerdì 27 aprile Anna Scoppola e Monica Fonck Il restauro paesaggistico e naturalistico del Parco comunale del Bullicame con visita al parco del Bullicame
Venerdì 4 maggio Piero Santelli Recupero dell’acqua piovana e automazione dell’irrigazione
Venerdì 11 maggio Valerio Cristofori Il pomario didattico
Venerdì 18 maggio Olindo Temperini Moltiplicazione degli alberi da frutto

Il corso si concluderà venerdì 25 maggio con la consegna, presso l’Aula R. Paolini, degli attestati di partecipazione a coloro che frequenteranno almeno il 75% degli incontri. Agli studenti saranno inoltre riconosciuti 3 CFU se sosterranno positivamente la verifica finale. Per tutte le informazioni contattare: Patricia Gutierrez tel.0761357581, cell. 3295474939, mail [email protected]

Il maltempo porta a Tarquinia aria di derby

di Attilio Rosati

In questi oscuri tempi di iatture metrologiche è difficile resistere al richiamo della solidarietà e così, di fronte ad una pressante richiesta di asilo, la Corneto Calcio non si è sottratta alla compassione e alla fratellanza. La pressante richiesta di cui sopra, è giunta da parte del Montefiascone calcio, il cui campo in questi giorni è invaso da trichechi e pinguini, e quindi non idoneo alla disputa di tenzoni sportive. Così Mister Antolovic, allenatore del Montefiascone, ha pensato bene di chiedere asilo a noi tirrenici, in teoria meno esposti alle ingiurie del tempo, per disputare il derby con il Monterosi e dato che gli etruschi probabilmente saranno impegnati a Fiumicino, ha chiesto alla società se gli prestava un attimino il Bonelli, nuovo di pacca, impermeabile ad ogni tentativo di boicottaggio da parte di Giove Pluvio che in questi giorni è preda di una irrazionale “collera fredda”.

Sarà così che domenica 12 Febbraio, salvo ulteriori complicanze, i tarquiniesi che lo  vorranno potranno assistere ad uno “strano” derby e magari dividersi in due opposte fazioni parteggiando per l’una o per l’altra squadra. Memore delle cinque pappine somministrate di recente (contro le tre subite, ad onor del vero), chi vi scrive sarà un poco più incline a simpatizzare per il Monterosi, ma alla fine, per una volta, al Bonelli, chi vince, vince. Andrà bene lo stesso.